“Mangiare è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte.”
Francois de la Rochefoucauld

Brodo di verdure dolci: un rimedio macrobiotico per la voglia di dolce

All-focus

Questo rimedio macrobiotico è tanto semplice quanto potente ed efficace per moltissime problematiche, anche se l’applicazione più frequente è per la fame nervosa e la voglia di dolce.

Questo rimedio ha un potente effetto rilassante sul corpo e sulle emozioni ed è particolarmente efficace per rilassare la contrazione profonda, soprattutto del pancreas, creata in anni e anni di abuso di cibi troppo yang come salumi, carne, uova, formaggi stagionati e prodotti da forno (pane, pizza, crekers, focacce, biscotti, fette biscottate, ecc.)

Molto spesso i problemi di fame nervosa o compulsiva e la voglia di dolce, sono causati proprio da una contrazione del pancreas e da questo eccesso di yang.

Ovviamente non possiamo escludere il problema della dipendenza indotta dallo zucchero, che è altra cosa, ma il brodo dolce lavora anche su quello!

Ci sono anche altri utilizzi:

  • dolori alla schiena e al collo
  • disturbi del sonno
  • bruxismo (digrignare i denti di notte)
  • disturbi della pelle
  • squilibri del sistema immunitario (in particolare allergie, autoimmunità)
  • mal di testa alla nuca
  • ansia
  • disturbi alimentari

Ingredienti

  • ½ tazza di cipolle tagliate a pezzi (circa 100 g)
  • ½ tazza di carote tagliate a pezzi (circa 100 g)
  • ½ tazza di cavolo verza o cappuccio, tagliato a pezzi (circa 100 g)
  • ½ tazza di zucca a pezzetti (circa 100 g)
  • 4-6 tazza d’acqua (circa 1 litro)

Porta l’acqua a bollore. Aggiungi le verdure e fai bollire piano per circa 15-20 minuti.

Filtra ed è pronto. Questo brodo è più efficace, oltre che più bono, se bevuto caldo o almeno tiepido.

Mi raccomando, niente sale o condimenti salati! Si beve così com’è, leggermente dolce.

Puoi berne 1-2 tazze al giorno, quando vuoi, anche se il momento migliore è il tardo pomeriggio, proprio quando, di solito, arriva la voglia di dolce.

Le verdure possono essere recuperate in cucina, ad esempio, io le aggiungo ad un minestrone, oppure le frullo con un po’ di miso o di umeboshi e ne faccio una salsa da spalmare.

Vanno considerate un’aggiunta alle verdure del pasto, perchè “hanno già dato” nel brodo

Il brodo si può conservare in frigorifero per 2 giorni.

Quando non si trova la zucca, si può fare solo con cavolo, cipolla e carota.

Importante: questo rimedio funziona sul lungo periodo, quindi non serve prenderlo per 2-3 giorni, ma bisogna proseguire per almeno un mese, meglio due e poi ridurne la frequenza gradualmente.

I rimedi macrobiotici vanno preparati secondo ricetta, senza modifiche, a meno che non venga indicato dall’eventuale terapista macrobiotico. 🙂

Per sperimentare altri rimedi macrobiotici, c’è la consulenza personalizzata.

 

 


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

11 commenti
  1. Ciao Dealma, abbiamo cominciato da ieri con il brodo di clorofilla visti i malanni di stagione che ci hanno preso allo stomaco, ma ora immagino sia doveroso provare questo brodo di verdure dolci! Dici che la verza può essere sostituita dal prezzemolo? Sai avendolo a disposizione fresco e bio nei vasi del mio giardino..
    Grazie, ti seguo sempre 😉

    • Ciao Mari, no il prezzemolo è energeticamente una “foglia verde”, quindi non è adatto per questo rimedio che prevede solo verdure dolci. 🙂

  2. Grazie Dealma, leggo sempre con interesse i tuoi consigli, e sperimento sempre più le tue ricette. Buona giornata

  3. Ciao Dealma scusami il cavolo cappuccio rosso va bene pure?????grazie

  4. Fatto e bevuto…buonissimo!! Spero mi aiuti davvero a rilassarmi soprattutto ora che la notte non riesco a dormire bene.Grazie per il tuo blog utilissimo per chi come me è all’ inizio del suo percorso macrobiotico.

  5. Ciao Dealma io ti seguo da circa 3 anni, da quando ho scoperto di avere reflusso e gastrite cronica. La mia vita è cambiata da quando seguo le tue ricette macrobiotiche. Ho cambiato radicalmente la mia alimentazione con grossi benefici. Un grazie di cuore. Adesso il problema del reflusso l’ho quasi risolto, torna talvolta nei cambi di stagione, ma non riesco a migliorare la mia gastrite cronica. Puoi darmi qualche suggerimento? Resto in attesa di un tuo riscontro. Grazie ancora Nancy

Scrivi un commento