“Mangiare è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte.”
Francois de la Rochefoucauld

Budino della vendemmia

budino della vendemmia

Per questi budini mi sono ispirata ai famosi Sugoli d’uva, dolci al cucchiaio della tradizione contadina in tempo di vendemmia.

Un tempo non si buttava nulla, così con l’uva rovinata si preparavano questi dolci mescolando al succo d’uva la farina e lo zucchero.

Questa è la mia versione, macrobiotica e rivisitata, dei tradizionali Sugoli.

 

Ingredienti

  • 500 g di uva nera da tavola (molto dolce)
  • 3 cucchiai di maizena
  • 4 cucchiai malto di riso
  • 1 punta di cucchiaino di cannella

Cuoci gli acini d’uva con 2 bicchieri d’acqua per 15 minuti, coperto.
Passa al passaverdure per ottenere il succo.

Sciogli la maizena e la cannella con un po’ di succo mescolando bene con la frusta per non formare grumi. Aggiungi il resto del succo e il malto, mescola bene e porta a bollore mescolando. Cuoci 1-2 minuti. Versa in coppette e lascia raffreddare.

Buon appetito!

Prova questa ricetta e poi raccontami come è andata lasciando un commento. Condividere la tua esperienza sarà di grande aiuto per tutti! 🙂

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

6 commenti
  1. Grazie! La proverò sicuramente perchè i classici sugali li conosco benissimo e non vedo l’ora di assaggiare questa tua versione! Bacio!

    • Fantastico, allora mi dovrai assolutamente dire se nella mia versione ti sono piaciuti!!!!!! 🙂

  2. L’ho fattoooo!!! E’ venuto una prelibatezza! 🙂
    Ho un po’ personalizzato le dosi, avendo poco malto ho sostituito con un cucchiaio di zucchero integrale di canna.
    Posto subito sul profilo Fb 😉

  3. Squisito!…ha conquistato anche i più diffidenti… Per esigenze di ..dispensa ..ho sostituito la maizena con farina di riso e kuzu… In attesa della prossima vendemmia, aspetto le tue prossime delizie!
    GRAZIE!

    • Benvenuta Cristina e… bravissima!
      Non ho osato proporre il kuzu per non “terrorizzare” chi si sta avvicinando pian piano alla macrobiotica. Ma è un’ottima soluzione. Il kuzu rinforza l’intestino e alcalinizza il sangue, inoltre yanghizza lo yin del succo d’uva, quindi è perfetto! Brava! 😉

Scrivi un commento