“Mangiare è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte.”
Francois de la Rochefoucauld

Budino di cachi

budino di cachi

Questo budino di cachi è davvero facilissimo, veloce e alla portata di tutti, anche dei più inesperti.

Nonostante maturino in autunno, i cachi sono comunque piuttosto yin (raffreddanti), quindi potenzialmente indebolenti.

Chi soffre frequentemente di raffreddore, sinusite, otite e disturbi simili, deve fare attenzione a non abusarne. Un buon sistema per “smorzare” la carica yin, è la cottura. Quindi il caco in versione budino, potrebbe essere meno problematico, rispetto al consumo crudo. 

Ingredienti

Per 3-4 persone:

  • 400 g di cachi (circa 2 cachi)
  • 2 cucchiai di crema di mandorle
  • 2 cucchiai di malto di riso (facoltativo)
  • 2 cucchiaini scarsi di agar agar in polvere
  • 1 pizzico di sale marino integrale

Sbuccia i cachi e frullali con tutti gli altri ingredienti. Trasferisci in un pentolino e porta a bollore mescolando. Cuoci meno di un minuto e versa negli stampini. Lascia raffreddare, poi trasferisci in frigorifero una mezz’oretta. Sforma gli stampini e decora piacere con scaglie di mandorle o di cioccolato fondente.

Se hai difficoltà a trovare l’agar agar e la crema di mandorle nei negozi, puoi ordinarli online:

 

Agar Agar in Polvere

Voto medio su 15 recensioni: Da non perdere

Crema Bianca di Mandorle

Voto medio su 17 recensioni: Da non perdere

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

17 commenti
  1. Ciao Dealma, dove si trova la crema di mandorle? La devo fare io? scusa la domanda, ma non l’ho mai usata….! Buona giornata

  2. ciao Dealma, grazie mille, non sapevo come utilizzare i cachi che spesso ho in abbondanza..il tuo budino sembra proprio semplice: voglio provarlo. Dici che se al posto della crema di mandorle uso la pasta di nocciole viene comunque buono? Buona giornata!

    • Ciao Stefano, bisogna provare, non so dirti se il sapore delle nocciole si sposa con i cachi. L’unico modo è lanciarsi nella sperimentazione. 🙂

  3. ciao Dealma, con quale altro tipo di frutta consiglieresti un simile budino? grazie!

    • Ciao Daniela, proverei anche con le pere e con le mele. E poi questa estate ci si può sbizzarrire con pesche, fragole, ecc. 🙂

  4. Grazie Dealma per questa semplice ricetta. Due domande sull’agar agar:
    1- posso usare per il tuo budino l’agar agar KANTEN in barrette? Quanti cm?
    2- mi ritrovo in gran numero di barrette di KANTEN comprate inconsapevolmente da mio marito. COME SI USANO? DOVE?
    Confido nella tua risposta per liberare spazio nella dispensa. Oltretutto i sacchetti mi scivolano dappertutto !! Un abbraccio vegano. Leslie

    • Ciao Leslie, si puoi usare le barrette, ma non ti so dire la quantità precisa perchè non le ho mai usate. Vanno fatte sciogliere bene, mi raccomando, quindi i tempi di cottura sono più lunghi. Per le quantità: devi provare e poi fare il test dopo la cottura. Appena hai finito di cuocere metti 2 cucchiai di kanten in una tazza e metti in freezer. Dopo circa 2-3 minuti è freddo quindi si sarà formata la gelatina. Così puoi vedere subito se è troppo molle o troppo dura e sei ancora in tempo per intervenire. Se è troppo molle aggiungi altro agar, se è troppo dura aggiungi liquido. 🙂

  5. Gentile Dealma,
    buona e semplice ricetta, la provo subito! Mio marito ama i budini, dolci al cucchiaio e in estate faccio spesso il kanten. Io amo i cachi, sono una delizia! Che meraviglia!
    Un abbraccio
    Beatrice

    • Sono felice che ti piaccia, mi racconterai come come è andata la sperimentazione. 🙂

  6. Buonasera Dealma, scusa la domanda sciocca : i due cachi indicati nella ricetta mi confermi che sono per 1 budino vero?? – Quindi circa 2 cachi a persona. Grazie

  7. Ciao Dealma,
    ieri l’ho provato, con la crema di mandorle: un successo!
    Avendo solo due cachi l’ho fatto anche con le mele selvatiche: anche più buono.
    La prossima volta però calerò le dosi di Agar-Agar perchè mi sono venuti molto compatti.
    Grazie,
    Stefano

  8. Cara Dealma, che bontà!
    Ma non avendo la crema di mandorle l’ho fatto con latte di mandorle (80ml), che ho fatto bollire prima per un paio di minuti con l’agar agar. Poi ho aggiunto i caki frullati e il malto di riso, e ho fatto bollire ancora un minuto.
    Una meraviglia! L’ho servito con cioccolato fondente fuso con un goccino di latte di soia, quindi caldo sul budino freddo! e poi un po’ di granella di mandorle… mmmh da leccarsi i baffi!
    Grazie

    • Che brava!!!!!! Ottime variazioni, che proverò anch’io! 🙂

Scrivi un commento