“Mangiare è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte.”
Francois de la Rochefoucauld

Crema pasticcera con fragole al mirin

Crema pasticcera con fragole al mirin

Questa crema pasticcera si presta ad infiniti usi: come dessert abbinato alla frutta, come farcitura di crostate, torte e tiramisù vegan.

Puoi vedere la sua preparazione in questo video, all’interno della lezione sui dolci naturali che ho tenuto a Cesena poco tempo fa.

E’ una delle ricette più facili, di sicura riuscita….a prova di cuoco alle prime armi!

 

Ingredienti

Per 2 persone:

Per la crema:

  • 250 ml di latte di soia
  • 3 cucchiai di panna di soia
  • 3 cucchiai di malto di riso
  • 1 cucchiaio di crema di mandorle bianca
  • 1 cucchiaino di agar agar in polvere
  • 1 punta di cucchiaino di curcuma
  • la buccia di 1 limone
  • 1 pizzico di sale marino integrale

Per le fragole:

  • 200 g di fragole
  • 1 cucchiaio di malto
  • 1 cucchiaio di mirin (facoltativo)
  • 1 pizzico di sale marino integrale

Versa il latte in un pentolino, aggiungi un pizzico di sale, l’agar agar e mescola bene con una frusta.

Aggiungi la buccia di limone, la panna, la crema di mandorle e il malto.

Porta a bollore mescolando e cuoci 1 minuto dal bollore. Lascia raffreddare e trasferisci in frigorifero per 20 minuti circa.

Nel frattempo prepara le fragole. Puliscile bene e tagliale come preferisci: a metà, oppure in quarti, oppure a cubetti. Trasferiscile in una padella e aggiungi il malto, il pizzico di sale e il mirin.

Porta a bollore e lascia cuocere qualche minuto.

A questo punto la crema pasticcera sarà diventata una gelatina. Frulla bene per ottenere una crema, da usare per farcire torte, crostate, accompagnata da un biscotto vegan o dalle fragole in padella.

Cos’è il Mirin? E’ un vino molto leggero ottenuto dalla fermentazione del riso, che si usa anche nelle preparazioni salate. In questa ricetta è assolutamente facoltativo. Volendo puoi sostituirlo con un liquore per dolci.

E se hai bisogno di aiuto e video ricette….ecco il video corso L’apprendista macrobiotico!

banner-appredista-bottom-ricette (1)

Se hai difficoltà a trovare il mirin o la crema di mandorle nei negozi, puoi ordinarlo online:

Mirin Mikawa - 250 ml
Crema Bianca di Mandorle

Voto medio su 28 recensioni: Da non perdere

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

11 commenti
  1. Ciao Dealma,
    mi piacciono molto creme e gelatine. Volevo provarla ma non ho la panna di soia, devo aumentare la dose di agar agar?
    Che differenza c’è tra l’agar agar in polvere e quello in fiocchi?
    Ti auguro una splendida giornata
    Luisa

    • Ciao Luisa, non dovrebbe essere necessario aumentare l’agar agar. La differenza tra quello in polvere e quello in fiocchi sta nelle dosi e nei tempi di cottura. Se usi i fiocchi devi raddoppiare la dose (all’incirca) e cuocere per qualche minuto in più.

      • Grazie, avevo letto che l’agar agar in fiocchi non ha il tipico odore di alga che mei dolci può essere fastidioso.
        Non è la sede adatta ma volevo chiederti da cosa è causata la micosi sulle unghie

        • Possono esserci molte cause, sicuramente va considerato un indebolimento del sistema immunitario. Dal punto di vista della macrobiotica c’è un problema di intossicazione generale, di accumulo di eccessi, che trovano anche questa via come sfogo. E’ importante far funzionare bene intestino e fegato. Bisogna pulire l’alimentazione e usare regolarmente i funghi shitake per stimolare il sistema immunitario a reagire.

          • Grazie, a parlarne sembra che parecchie persone ne siano affette. Non mi ricordo anni fa che il problema fosse così diffuso, su alcuni giornali c’è la pubblicità quotidianamente

  2. Ciao dealma x fare qst crema come si può sostituire la crema d mandorla sempre x la mia intolleranza….?grazie

    • Ciao Ilenia, in questa ricetta la crema di mandorle non è indispensabile. Serve a dare cremosità. Puoi eliminarla aggiungendo 2 cucchiai in più di panna vegetale, oppure sperimentare delle varianti che modificheranno però il sapore, ad esempio usando la crema di nocciole o di pistacchio. Magari scopri una ricetta favolosa! 🙂

  3. Ciao Dealma, mi sto cimentando con la ricetta del tuo pane di Spagna.. Ma volevo farne una torta di compleanno. La mia idea è di farcirla con due strati di crema pasticciera, ma volevo modificare la tua ricetta aggiungendo qualche cucchiaio di cacao amaro e sostituendo la crema di mandorle con la crema di nocciole…(questo perché mio figlio è “cioccolato-dipendente”e la torta è per lui) hai qualche consiglio da darmi? È il caso che aggiunga un po’ di latte di soia? Ti ringrazio tantissimo per la.tua disponibilità e per aver messo a disposizione di tutti le tue conoscenze e soprattutto le tue golosissime ricette! Grazie

    • Ciao Marilena, puoi fare tutte le modifiche che la tua fantasia ti ispira…e che tuo figlio preferisce. 🙂 Se nella crema vuoi sostituire la crema di mandorle con quella di nocciole, non mettere la buccia di limone. Aggiungi il cacao, così ottieni una crema cacao-nocciola. Non so dire se servirà più latte di soia. Ti dico come farei io: farei la crema con queste dosi e al momento di frullarla valuterei la densità. Se viene troppo densa a quel punto aggiungi latte vegetale o acqua. 🙂 Poi mi racconti come è andata!

  4. Ciao Dealma, ho fatto proprio così! Non è stato necessario aggiungere altro liquido e la consistenza è perfetta! Ho pensato di farcire la torta con un velo di marmellata di albicocche (senza zucchero) è poi con metà della crema al cacao. Il resto l’ho spalmata sopra e poi ho cosparso un po’ la torta con granella di nocciole. Un successone!! Grazie Dealma

    • Fantastico! Bravissima. Se ti fa piacere puoi pubblicare la foto sulla pagina facebook dedicata ai miei Apprendisti. 🙂

Scrivi un commento