“Mangiare è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte.”
Francois de la Rochefoucauld

Insalata cremosa d’orzo mondo

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Con l’arrivo dell’estate l’insalata di cereali spadroneggia. Fresca e leggera, è perfetta anche da portare in ufficio. 😉

L’orzo “mondo” è  integrale, a differenza di quello “decorticato”, che è semi-integrale e di quello “perlato”, decisamente troppo raffinato. L’orzo mondo si trova nei negozi specializzati di alimentazione naturale. E’ chiaro che ogni tanto va benissimo anche quello decorticato. 🙂

L’orzo è particolarmente adatto all’estate per il suo potere rinfrescante. E’ emolliente e facilmente digeribile. Possiede proprietà antinfiammatorie e antisettiche, soprattutto della mucosa gastro-intestinale.

Ingredienti

  • 150 g di orzo mondo (integrale)
  • 4-5 ravanelli affettati finemente
  • 1/2 daikon fresco
  • 100 g di mais
  • 200 g di fagiolini
  • 150 g di tofu naturale
  • 2 cucchiai di acidulato di umeboshi
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaio di succo di zenzero
  • erbette varie (basilico, menta, timo)
  • tamari o shoyu

Lava l’orzo e lascialo in ammollo almeno 8 ore. Lessalo con 4 volte il volume d’acqua per 1 ora. A fine cottura l’acqua si sarà completamente assorbita. Spegni  e lascia riposare coperto per 10 minuti. Versa l’orzo in una pirofila e lascialo raffreddare un pochino.

Durante la cottura dell’orzo prepara degli insalatini leggeri di daikon e ravanelli, oppure solo di ravanelli se non trovi il daikon, affettandoli finemente e mescolandoli con 1 cucchiaio di acidulato di umeboshi e 2-3 cucchiai d’acqua.

Lessa il tofu in acqua per 10 minuti. Nel frattempo pulisci i fagiolini, tagliali  a cilindretti e falli saltare in padella con un po’ d’olio e un po’ d’acqua. Se ti piace puoi aggiungere anche uno spicchio d’aglio che poi toglierai. Portali a cottura e sala con sale marino integrale o con tamari o shoyu.

Scola il tofu e immergilo in acqua fredda per farlo raffreddare. Frulla il tofu con 1 cucchiaio di acidulato di umeboshi, l’olio, le erbette e lo zenzero (il succo di zenzero si estrae spremendo la polpa grattugiata della radice fresca). Se serve aggiungi un po’ d’acqua per ottenere la consistenza di una crema.

Mescola l’orzo con la crema di tofu e aggiungi gli insalatini di ravanelli e daikon, il mais e i fagiolini. Servi tiepida o a temperatura ambiente.

Prova questa ricetta e poi raccontami come è andata lasciando un commento. Condividere con gli altri la tua esperienza sarà di grande aiuto per tutti!

Buon appetito!

 

Questa ricetta partecipa al contest “Salutiamoci”, per cucinare cibo salutare, bello e buono. Le “regole” per cucinare i piatti sono quelle del Prof. Berrino, della sezione dell’istituto tumori di Milano che si occupa di cucina naturale, la Cascina Rosa!  Decisamente macrobiotiche!!! 😉  Sembra incredibile, ma è vero…date un’occhiata alla lista degli ingredienti consigliati.

Ogni mese un ingrediente protagonista del contest e un blog ospite diverso.
Questo mese il contest e’ ospitato da Galline 2ndlife

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

6 commenti
  1. eh si la macrobiotica è una grande ispirazione…e la fantasia poi regala ricette uniche come la tua….grazie mille … 🙂

    • Grazie Lo! E complimenti per il tuo blog, è bellissimo. 🙂

  2. Ciao cara Dealma,sei straordinaria,riesci a far passare
    la tua energia,data dal tuo entusiasmo,competenza talento e AMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMORE.
    Grazie
    Laura

  3. Ciao Dealma! Ho provato l’orzo mondo, sono in difficoltà per la cottura, anche dopo l’ammollo rimane sempre duro. Quanto deve durare esattamente l’ammollo? e quanto la cottura? A me rimane duretto . Grazie in anticipo

    • L’orzo mondo rimane sempre un po’ più duretto rispetto a quello decorticato. Io lo ammollo una notte e lo cuocio per un’oretta.

Scrivi un commento