“Mangiare è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte.”
Francois de la Rochefoucauld

Insalata di quinoa “del frigo vuoto”

Insalata di quinoa del frigo vuoto

Sono appena tornata dal week end macrobiotico a Tuscania e ovviamente il mio frigorifero è un deserto….

In questi casi riunisco le poche cose a disposizione e….quel che viene viene. 🙂

Non bisogna scoraggiarsi, ma fare di necessità virtù, recuperando quello che c’è e ingegnarsi con i condimenti.

Sono utilissimi da avere sempre a disposizione, il tahin, il miso, la senape, il malto e poi ovviamente salsa di soia, aceto di riso, acidulato di umeboshi, gomasio.

 

 

Ingredienti

  • 1 bicchiere di quinoa (circa 150 g)
  • 100 g di seitan (facoltativo)
  • 1 cucchiaio di tahin
  • ½ cucchiaino di senape
  • 1 cucchiaio di acidulato di umeboshi
  • 1 cucchiaino di aceto di riso
  • 1 cucchiaio di capperi dissalati
  • 3 fili di erba cipollina
  • 1 pizzico di sale marino integrale

 

Lava la quinoa e lessala con il doppio del volume di acqua e un pizzico di sale.

Il doppio del volume significa che dopo averla lavata aggiungi 2 bicchieri d’acqua per la cottura.

Cuoci per 15 minuti dal bollore e a fine cottura lascia riposare coperto per 10 minuti.

Nel frattempo faglia il seitan a cubetti e prepara una salsina mescolando il tahin con la senape, l’acidulato e l’aceto. La presenza del tahin, piuttosto grasso, ti permette di non utilizzare olio e rendere questa insalata meno calorica.

Quando la quinoa è pronta condiscila con la salsa, aggiungi il seitan, i capperi e l’erba cipollina tritata.

Spero di averti dato una buona idea per quando il frigorifero è vuoto…. 🙂

Buon appetito!

Se hai difficoltà a trovare la quinoa nei negozi, puoi ordinarla online:

Quinoa
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

7 commenti
  1. Ciao Dealma,
    adoro la quinoa e mi trovo spesso all’ora di pranzo con poche cose pronte e altrettanta fantasia. Il seitan non l’ho mai provato ma gli altri ingredienti sono sempre presenti.
    Grazie per gli spunti sempre preziosi
    Luisa

  2. Ciao Dealma!
    Com’è che, a frigo vuoto, a te vengono queste cose e a me viene … da andare al supermercato all’ultimo secondo?? 🙂
    Proprio ieri sera ho usato una salsina simile per condire l’orzo con i piselli fatto dal “mio cuoco personale”, ma il retrogusto era un pò amaro. Secondo te è colpa della tahin o potrebbe essere che non è più buona??

    Grazie ancora di tutto,
    Laura.

    • Ciao Laura! Il tahin è leggermente amaro proprio perchè lo è il sesamo. Puoi provare a diluirlo e salarlo di più. Come è andato il rientro dal nostro weekend macrobiotico? 🙂

      • Traffico scorrevole, ci abbiamo messo sicuramente meno che all’andata! Sono un pò a tappo per il troppo cibo, ma, incredibilmente, non ho preso un etto!!! La cucina macrobiotica è veramente un mondo meraviglioso!! Ieri sera ho provato le tue frittelle di ceci, usando il cumino nella pastella, anzichè la paprika: deliziose! 😀

        • Fantastico! Anch’io ho mangiato tanto, ma senza conseguenze. E’ il vantaggio di mangiare cibo integrale e vegetale. 🙂 Sono contenta che le polpettine di ceci siano venute bene, continua così!!!

  3. Ciao Dealma. Come posso sotituire la senape? Del miso andrebbe bene??
    Grazie

    • Ciao Angela, la senape ha un sapore tutto particolare, quindi non so se si può trovare un buon sostituto. Proverei magari con il curry, per la nota piccante. Il miso va bene, ma più che altro conferisce sapidità, non piccantezza.

Scrivi un commento