“Mangiare è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte.”
Francois de la Rochefoucauld

Pasta integrale con pesto di basilico e tarassaco

Pasta con pesto basilico e tarassaco

Questo pesto è un esperimento un po’ particolare, ma credo sia riuscito. 🙂

Il tarassaco conferisce un po’ di sapore amaro, ma ammorbidito dal basilico e dalle mandorle.

Il tarassaco (dente di leone) si trova facilmente in questo periodo.

Basta fare una bella passeggiata in campagna.

Io ho la fortuna di averlo spontaneo in giardino. 🙂

Ingredienti

Per 1 persona

  • 80 g di pasta integrale corta
  • 1 manciata di basilico fresco
  • 3-4 foglie di tarassaco (dente di leone)
  • 1 manciata di mandorle
  • 2 cucchiai di pinoli
  • 3 cucchiai di olio e.v.o.
  • 1 cucchiaino di shoyu
  • semi di zucca
  • gomasio

Mentre la pasta cuoce prepara il pesto frullando il basilico e il tarassaco con le mandorle, i pinoli, lo shoyu e l’olio.

Se serve aggiungi poca acqua per ottenere la consistenza che preferisci.

Scola la pasta e condisci con il pesto.

Aggiungi al momento qualche seme di zucca e una spolverata di gomasio.

Facilissimo, goloso e veloce. 🙂

 

Se hai difficoltà a trovare nei negozi il gomasio, i semi di zucca o uno shoyu di qualità, puoi acquistarli online:

Gomasio Bio
Condimento biologico da tavola a base di sesamo

Voto medio su 20 recensioni: Da non perdere

€ 3.4


Semi di Zucca
Decorticati, da agricoltura biologica

Voto medio su 491 recensioni: Da non perdere

€ 2.99


Diventa anche tu un mio Apprendista!

Con il libro appena uscito o con il Video Corso!

Ti aspettano tante ricette e tanti altri trucchetti pratici per cucinare velocemente piatti sani e golosi. 🙂

Se acquisti il libro su Macrolibrarsi ricevi in omaggio il mio ebook “Pronto soccorso macrobiotico”.

L'Apprendista Macrobiotico
Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina Macrobiotica Vegana

Voto medio su 41 recensioni: Da non perdere

€ 9.8

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

2 commenti
  1. buongiorno, sono appassionato di cultura orientale e penso abbiano(queste culture) ancora ben radicate le tradizioni comprese quelle alimentari, le loro ovviamente, noi invece ci stiamo un po’ scollando dalle nostre, a parte questa elucubrazione da persona anziano, il pesto ,per definizione va pestato nel mortaio ,non frullato, saluti

    • Buongiorno Giorgio, concordo, il pesto andrebbe fatto in un mortaio, ma oggi non tutti hanno il tempo, me compresa….ci perdoni! 🙂

Scrivi un commento