“Mangiare è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte.”
Francois de la Rochefoucauld

Pediluvio allo zenzero

pediluvio

La radice di zenzero è  usata in cucina per aggiungere ai piatti un aroma e un sapore molto particolari. Ed è ricca preziose proprietà benefiche. Ma il suo utilizzo non si ferma qui. Quando torni a casa la sera stanco e stressato, puoi usare lo zenzero per prepararti un fantastico pediluvio, che ti aiuterà a rilassarti e a dormire meglio.

E se soffri di problemi circolatori, gonfiore e pesantezza alle gambe, questo è il rimedio per te!

La radice fresca si trova ormai in tutti i supermercati.

 

Come si fa:

Porta a bollore 2-3 litri d’acqua. Nel frattempo grattugia un grosso pezzo di radice fresca di zenzero (circa 60-70 g)  e strizza la polpa ottenuta per estrarne il succo. Per il pediluvio non è necessario sbucciarlo. Quando l’acqua bolle spegni il fuoco e aggiungi il succo di zenzero. Ora puoi usare quest’acqua allo zenzero per prepararti il pediluvio.

E’ importante che anche la caviglia sia coperta dall’acqua, in modo che lo zenzero possa stimolare i 3 meridiani che salgono dal piede lungo le gambe: fegato, milza/pancreas e reni. Grazie all’azione su questi organi, il pediluvio allo zenzero aiuta a rimuovere gli eventuali ristagni energetici a livello addominale. Quando i reni, il pancreas, ma soprattutto il fegato sono intasati da eccessi alimentari, non permettono il libero fluire dell’energia che risale dalle gambe, creando ristagno energetico.

Il pediluvio allo zenzero ti regalerà un piacevole senso di rilassamento e di leggerezza, oltre che sonni tranquilli. Provare per credere 🙂

Buon pediluvio a tutti!

Prova il pediluvio e raccontami come è andata lasciando un commento. Condividere con gli altri la tua esperienza sarà di grande aiuto per tutti!

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

28 commenti
  1. Grazie per i tuoi preziosi suggerimenti.
    Amo lo zenzero e per averlo velocemente a disposizione per una tisana tonica, digestiva, riscaldante, etc etc, uso questo sistema: con la centrifuga estraggo il succo di almeno 150 gr di radice fresca, lo metto in un vasetto con chiusura ermetica, aggiungo una certa quantità di miele (ognuno può deciderla per sé), mescolo bene e poi lo ripongo nel frigorifero. Da consumare entro una settimana.
    Ciao

  2. Per economizzare un pò, io uso lo zenzero in polvere o quello fresco appena strizzato per il pediluvio ……
    Ciao

    • Ciao Catia, meglio quello fresco, perchè quello in polvere è energeticamente “morto”.

  3. Ciao Dealma,
    Per motivi di salute ci siamo in famiglia, avvicinati da poco alla cucnia macrobiotica, con qualche sgarro fatto nelle vacanze…che abbiamo ahime’, pagato nel rientro alla normalita’. Leggiamo sempre i tuoi consigli e le tue ricette sono diventate conosciute in casa. I benefici si sentono!
    Non nego che con qualche difficolta’, lavoriamo entrambi lontano e al rientro tardi a casa la sera, la tentazione di fare cose veloci e non piu’ “buone” per la ns salute, e’ grande.
    Ma visti i miglioramenti, non possiamo di certo demordere dallo star meglio.
    Un abbraccio,
    lucia

    • Ciao Lucia,
      mi fa piacere sapere che state già raccogliendo i primi frutti. E’ normale “cadere in tentazione” e sgarrare, capita a tutti, compresa alla sottoscritta. A volte la stanchezza o la gola hanno il sopravvento. L’importante è non lasciarsi scoraggiare da questi piccoli o grandi deragliamenti e continuare sulla strada che ci fa sentire bene. Quando il tempo è poco e si arriva a casa la sera con tanta fame e poca voglia di cucinare, è di grande aiuto avere già in frigorifero pronti i cereali lessati. Basterà mettere in padella delle verdure, aggiungere il cereale lessato e la cena è pronta. Per chi ha davvero poco tempo è utile cuocere separatamente 2-3 cereali diversi e conservarli in frigorifero in vaschette separate. Durano 3-4 giorni. 🙂

  4. Ciao Dealma,il tuo blog è davvero fantastico e pian piano stò provando le ricette e seguendo i consigli. Mi trovo bene,sto molto meglio e anche se le vecchie abitudini son dure a morire con pazienza e costanza e il tuo valido aiuto vado avanti.
    In merito al pediluvio volevo chiederti se posso utilizzare l’olio essenziale di zenzero. Grazie mille, Cecilia

    • Ciao Cecilia, sono felice di sapere che stai raccogliendo i frutti. L’olio essenziale è solo una delle componenti presenti nella radice di zenzero, quindi è possibile che utilizzare l’olio essenziale non abbia lo stesso effetto rispetto all’uso della radice grattugiata e strizzata, ricca di tanti altri principi attivi, soprattutto del gingerolo. 🙂

      • grazie,vada per la radice grattugiata.
        ci ho provato,un pò per pigrizia un pò perchè me l’hanno regalato e non so bene come usarlo. Hai qualche consiglio da darmi?
        buona serata Ceci

        • Ciao Cecilia,
          io lo utilizzo nella zuppa di miso, a volte nei cereali, oppure per fare salsine da condire. Basta grattugiare un pezzo di radice e spremere tra le dita la polpa. 🙂

  5. Ciao Dealma ho letto il tuo consiglio sul pediluvio allo zenzero io lo avevo già provato e inoltre ho provato pure a fare gli impacchi e le frizioni su tutto il corpo. Risultato? Pelle morbida e liscia meglio di una qualsiasi crema corpo.:-)adesso che fa caldo nn ne sto facendo più ma come rinfresca l’aria continuerò nn può che fare solo bene.:-) ti volevo domandare in proposito quanto tempo è bene rimanere a fare il pediluvio affinché faccia effetto sugli organi che tu hai elencato? E un altra cosa…per la digestione và bene và bene un cucchiaino di succo di zenzero sul the bancha caldo? Grazie sempre per i tuoi ottimi consigli a presto. Melita.

    • Bene! Sono felice che tu abbia “toccato con mano” gli effetti del pediluvio, degli impacchi e delle frizioni. Il pediluvio si fa di solito finchè l’acqua resta tiepida, quindi circa 10′ minuti sono sufficienti. Lo zenzero nel tè va bene (la quantità è ok), però ti consiglio di provare un sistema che secondo me è ancora più efficace per digerire: aggiungere al tè un pezzettino di prugna umeobshi. Bevi il tè e poi mangi la prugna alla fine. Prova e poi fammi sapere! 🙂

  6. Tocchi un tasto per me molto dolente 🙂 non riesco a mangiare una prugna intera trovo il suo sapore insopportabile mi viene pure la pelle d’oca 🙂 la prendo solo quando mangio fuori con amici o dopo un dolce ma faccio tanta fatica. 🙁 per questo ti chiedevo se un alternativa poteva essere del tè bancha con zenzero.

    • Si può essere un’alternativa valida. Considera comunque che non devi mangiare una prugna intera! Solo un pezzettino grande come l’unghia di un mignolo. Inoltre mangiandola dopo aver bevuto il tè, avrà già rilasciato parte del sale, quindi il sapore sarà meno “terribilmente” salato. 🙂

  7. Ho sentito dire che frizioni lungo la colonna vertebrale , mi pare da farsi dal basso verso l’alto, con infuso molto caldo di radice di zenzero possono migliorare le condizioni di chi è affetto da morbo di Parkinson
    Azione stimolante? anti infiammatoria? o sono speranze vane?
    Se ha una qualche azione, si può essere sicuri che non sia dannoso?
    Molte grazie se vorrà rispondermi e aiutarmi. molte molte grazie

    • Buongiorno Gabriella, si è un rimedio esterno usato anche per il Parkinson. Ha effetto stimolante della circolazione locale. Però funziona se associato ad un cambiamento alimentare radicale. Non ho mai letto di effetti negativi se usato sulla colonna.

      • grazie! mi documenterò sull’alimentazione
        mi può suggerire un testo che tratti nello specifico del Parkinson?
        ancora la ringrazio

        • Purtroppo non conosco un testo di macrobiotica che tratti nello specifico di Parkinson. Posso dirle che è necessario eliminare i cibo animale a causa dei grassi saturi che danneggiano i nervi. E’ poi importante rimineralizzare il corpo, ma non in modo artificiale con integratori, ma in modo naturale con il cibo: cereali in chicco integrale, legumi, verdure, alghe. Infine è fondamentale contrastare l’acidosi.

  8. Grazie per la dritta sul pediluvio allo zenzero,questa sera lo provo.

  9. Ciao!
    È qualche sera che pediluvio e kukicha mi accompagnano al sonno…mi coccolo!

    Dubbio: è meglio lasciare che la temperatura dell’acqua si abbassi naturalmente o è possibile aggiungere acqua fredda ?

    • Brava Barbara! Puoi aggiungere acqua fredda, è indifferente.

  10. ciao Dealma! non ho ancora provato il pediluvio ma i rimedi di cui abbiamo parlato durante la consulenza sono ottimi: dormo meglio e sogno anche, cosa che non mi succedeva da tanto; sono più rilassata e l’intestino va meglio. Anche i valori di glicemia e colesterolo sono tornati normali! grazie infinite

  11. Ciao Dealma. Io, solo per questioni di tempo, invece di far bollire l’acqua utilizzo quella bollente dal rubinetto. Va bene ugualmente o è meglio utilizzare acqua bollita?
    Grazie
    Sara

  12. Il pediluvio allo zenzero mi manava, questa sera lo provo sicuramente…Grazie 😉

Scrivi un commento