“Mangiare è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte.”
Francois de la Rochefoucauld

Sformatini di azuki e zucca con semi di crescione

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La zucca mania imperversa….il blog è invaso da ricette di ogni tipo a base di zucca! La raccolta di ricette buone e sane di Salutiamoci di Novembre ci farà diventare tutti arancioni?

In attesa di scoprirlo non potevo non proporvi un’altra ricetta con la zucca! 🙂

Questa è una ricetta nata dal tentativo di rendere più appetitosa l’unione di zucca e azuki, che non a tutti piace. Mi riferisco al famoso piatto curativo “azuki, zucca e kombu”, utilizzato nella cucina macrobiotica per curare soprattutto il pancreas, addirittura in caso di diabete. Nella ricetta tradizionale gli azuki vengono cotti con la zucca e l’alga kombu (e un po’ d’acqua ovviamente) per circa un ora.

Ne risulta un piatto molto equilibrato dal punto di vista energetico, in grado di nutrire profondamente stomaco, milza/pancreas e sistema immunitario grazie  alla sua potente, ma equilibrata energia dolce.

Questa è una versione meno “potente” energeticamente, ma decisamente più gustosa, quindi alla portate di tutti i palati. 😉 Un modo per cominciare ad apprezzare gli azuki.

Ingredienti

  • 1 cipolla
  • 350 g di zucca pulita
  • 1 cucchiaino di aceto di riso
  • 1 cucchiaino di acidulato di umeboshi
  • 250 g di azuki già lessati con alga kombu
  • ½ cucchiaino di curcuma
  • buccia di mezzo limone
  • 1 rametto di timo
  • semi di crescione
  • 1 cucchiaino di agar agar
  • 1 cucchiaio d’olio extravergine d’oliva
  • 2 cucchiai di tamari
  • 1 cucchiaio di miso di riso

Affetta la cipolla e falla imbiondire in padella con l’olio e poca acqua. Nel frattempo taglia la zucca a dadini. Aggiungi la curcuma e il timo alle cipolle, mescola bene e aggiungi la zucca. Lascia rosolare qualche minuto, poi aggiungi l’aceto di riso e mezzo bicchiere d’acqua.

Lascia stufare coperto 15-20 minuti finchè la zucca sarà morbida. Se necessario aggiungi ancora un po’ d’acqua durante la cottura. Aggiungi shoyu o tamari, l’acidulato di umeboshi e l’agar agar sciolto a parte con poca acqua fredda. Aggiungi gli azuki, sciogli il miso in poca acqua e aggiungilo in padella mescolando bene.

Per ultimo aggiungi la buccia di limone grattugiata.

Passa il tutto nel frullatore. Per questa preparazione non è fondamentale ottenere un composto perfettamente liscio.

Prepara degli stampini o uno stampo grande e metti sul fondo un po’ di semi di crescione. Versa il composto e inforna a 180° per 20 minuti. Sforna e lascia raffreddare perfettamente prima di capovolgere. Una volta che il composto si è solidificato puoi anche riscaldarlo prima di servire.

Se usi lo stampo grande puoi servire lo sformato a fette come fosse un patè.

Buon appetito!

Questa ricetta partecipa a Salutiamoci, una raccolta di ricette buone e sane!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

13 commenti
  1. Questo è un matrimonio che amo molto, bellino davvero la versione sformatino!

  2. che bella ricetta very macrobiotica! 🙂

  3. mi piacciono gli azuki, anzi mi piacciono TUTTI i legumi! 🙂

    dove trovo i semi di crescione?? 😛

    voglio provare la ricetta… ma non ho l’acidulato di umeboshi posso sostituirlo con altro?

    per il resto ho tutto, incredibile! ^^
    grazie ciaoooooo

    • Ho trovato i semi di crescione da Natura Sì, ma penso che molte erboristerie li abbiano. Il sapore dell’acidulato di umeboshi è unico e quindi insostituibile, ma non è indispensabile per la riuscita della ricetta. Se non lo metti probabilmente dovrai salare un po’ di più, con la salsa di soia o il sale. Poi fammi sapere come sono venuti!

  4. Chi l’ha detto che gli azuki non sono buoni? 🙂
    A me piacciono un sacchissimo.
    Si, questo mese, tutti very arancioni! 🙂
    Viva la zucca!
    baciusssss

  5. viva gli azuki e la zucca, z z!

  6. Ottima la tua rivisitazione! E che belli a vedersi i tuoi sformatini! I miei complimenti sig.na Dealma! 🙂

  7. Io ho sostituito l’aceto di riso con aceto di mele perchè non ne avevo in casa 🙁
    Poi ho messo i semi di lino al posto dei semi di crescione…
    Anche con questa variante sono venuti buonissimi

  8. Ciao Dealma, per i semi di crescione vanno bene quelli che si usano per produrre germogli?

Scrivi un commento