Come resistere all’uva? E’ anche di stagione quindi possiamo stare tranquilli….ma è proprio così?

Non proprio, perchè l’uva è un frutto piuttosto yin essendo molto acquoso e molto zuccherino. Come la ciliegie, un chicco tira l’altro e se ci lasciamo prendere la mano rischiamo di fare il pieno di energia raffreddante in un periodo in cui il nostro corpo ha bisogno di caricarsi lentamente di yang.

Cuocerla al forno è un buon sistema per “yanghizzarla”, oltre che renderla  deliziosa…. 😉 Questa è una ricetta salata, non dolce e si può abbinare ad un cereale o al chapati come in questo caso.

Ingredienti

Per l’uva al forno:

  • 500 g di uva nera da tavola
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 4-5 rametti di timo
  • sale

Per il chapati:

Mescola la farina e il sale con acqua quanto basta per poter impastare e ottenere una palla elastica. Lasciala riposare coperta da un canovaccio umido in un luogo riparato da correnti d’aria, per 30 minuti.

Separa gli acini dal raspo e tagliane a metà circa un terzo. Gli altri rimangono interi. Trasferisci tutti gli acini, sia quelli interi, sia quelli a metà, in una ciotola e condiscili con l’olio, una presa di sale e le foglioline di timo. Mescola bene e trasferisci il tutto su una teglia rivestita di carta forno. Inforna a 200° per 15-20 minuti. Quando alcuni acini cominciano a creparsi l’uva è pronta.

Trascorso il tempo di riposo dividi la pasta in due palline e stendile con il mattarello formando due dischi sottili di circa 3 mm di spessore.

Lascia riposare coperto dal canovaccio umido per altri 30 minuti.

Scalda bene una padella antiaderente o una padella per cépes e cuoci i dischi uno alla volta su entrambi i lati schiacciano leggermente con un cucchiaio di legno. Dovranno gonfiare un pochino.

Tienili al caldo coperti da un canovaccio asciutto finchè porterai in tavola interi o tagliati a triangoli accompagnandoli con l’uva al forno e il suo sughetto. Puoi utilizzare questa ricetta particolare come antipasto, spuntino o dolce.

Se non riesci a trovare una buona farina integrale bio, puoi acquistarla online:

Farina Integrale di Grano Tenero Gentil Rosso Bio
Da grani antichi

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

€ 2,84

Diventa anche tu un mio Apprendista!

Con il libro o con il Video Corso!

Ti aspettano tante ricette e tanti altri trucchetti pratici per cucinare velocemente piatti sani e golosi. ?

Se acquisti il libro su Macrolibrarsi ricevi in omaggio il mio ebook “Pronto soccorso macrobiotico”:

L'Apprendista Macrobiotico
Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina Macrobiotica Vegana

Voto medio su 61 recensioni: Da non perdere

€ 9,80

 

 

23 Comments

  • Pubblicato 26 Settembre 2013 18:53 Staximo 0Likes

    Ciao,
    ho finalmente pubblicato un post, con l’elenco dei foodblog italiani trovati nell’ultimo periodo, che comprende anche il tuo!
    Simona

  • Pubblicato 25 Settembre 2013 21:08 Antonietta 0Likes

    Ciao Dealma,
    ho preparato l’uva che abbiamo mangiato stasera come dessert e devo dire che il risultato è particolare ma gradevole. La ricetta è piaciuta molto anche alle mie bambine: la più grande, che non ama molto la frutta cotta, ha apprezzato il sapore non eccessivamente dolce e il gusto un pò diverso dal solito dato dal timo. Ho usato l’olio di girasole anzichè quello d’oliva che preferisco a crudo. Complimenti, come sempre, per la Tua capacità di creare piatti semplici, leggeri e gustosi!

    • Pubblicato 26 Settembre 2013 08:26 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Antonietta, mi fa piacere sapere che questo piatto un po’ strano è piaciuto anche alle tue bimbe. La tua Elena è davvero forte! 😉

      • Pubblicato 26 Settembre 2013 15:47 Antonietta 0Likes

        Ciao Dealma,
        Elena ti ringrazia. A dire la verità, bisogna ringraziare le persone come te, che mettono a disposizione le proprie conoscenze a favore degli altri, non perchè reputano di essere migliori ma per il desiderio e il piacere di condividere e di far conoscere qualcosa che non rientra nella ordinaria visione delle cose, senza imporre nulla. Ho già provato a cucinare alcune ricette tratte dal blog e hanno sempre riscosso molto successo, soprattutto con le bambine a cui non sempre è facile far mangiare gli alimenti sani a scapito di altri molto più pubblicizzati anche se poco salutari! Come già detto le spiegazioni sono chiarissime e le ricette nella loro semplicità sono grandiose. Grazie ancora!

        • Pubblicato 26 Settembre 2013 17:38 Dealma Franceschetti 0Likes

          Grazie mille Antonietta! E grazie anche alla piccola Elena per la voglia di sperimentare cose nuove. 🙂

  • Pubblicato 25 Settembre 2013 10:50 antonella 0Likes

    Ciao Delma
    L’uva al forno è allettante ma non perde le proprietà?

    • Pubblicato 25 Settembre 2013 19:44 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Antonella, la cottura altera un po’ il quadro nutrizionale, ma equilibra l’aspetto energetico. Dipende sempre in che modo vogliamo guardare il cibo. 🙂

  • Pubblicato 25 Settembre 2013 10:02 Silvia 0Likes

    Ottima idea!! Stavo pensando di fare un buon kanten di uva, così mi sembra più sfizioso però! Questo bel piatto è meglio consumarlo come portata principale, oppure come dessert? o meglio, in quale momento della giornata? Da golosissima vegetariana, ero solita sostituire un pasto con una bella porzione di dolce o un gelatone, accompagnato da frutta o verdura…. dopo aver studiato qualche manuale di macrobiotica, non ci provo più!! pian piano mi accorgo anche di avere meno voglia di preparati dolci, di cioccolato (e questa è stata una vera tortura per me!!) etc. Credo di essere sulla buona strada, perciò continuerò a seguirti! grazie, a presto!

    • Pubblicato 25 Settembre 2013 10:09 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Silvia, questo piatto è davvero un po’ strano. Io lo uso come merenda dolce, ma va provato. Non lo userei però come un pasto vero e proprio o come portata principale, perchè è comunque molto zuccherino per via dell’uva. Insomma non bisogna abbuffarsi. 😉
      In effetti sostituire un pasto con solo frutta e verdura o addirittura con un dolce non è la scelta migliore. Sempre meglio puntare sul cereale in chicco integrale o semi-integrale. Mi fa piacere che l’hai scoperto da sola. 🙂

  • Pubblicato 24 Settembre 2013 11:12 Francesca 0Likes

    Ciao Dealma, per questa ricetta va bene anche l’uva chiara?

Lascia un commento