Ancora zucca per l’ultimo giorno di Salutiamoci di Novembre.

Oggi in versione decisamente golosa, per salutare questa bellissima raccolta di ricette buone e sane, che da domani approderà nell’Orto di Michelle dove saranno protagonisti cavolfiori e broccoli.

E’ stata una bellissima esperienza ricevere e raccogliere così tante idee originali per cucinare la zucca. Grazie a tutti! 🙂

Ma veniamo a noi. Ogni tanto un po’ di fritto non fa male, soprattutto in inverno, quando abbiamo bisogno di una piccola quota di grassi in più. Anche energeticamente è adatto all’inverno perchè riscalda…Ovviamente è adatto se seguiamo un’alimentazione naturale. Se al contrario mangiamo carne, salumi, latticini e siamo ospiti fissi di
Mc Donald’s, allora è meglio evitare il fritto categoricamente.

E’ sempre bene abbinare ai fritti qualcosa che aiuti la digestione dei grassi. Ingredienti come senape, succo di limone o succo di zenzero sono adatti per preparare salsine da accompagnamento. Ma anche verdure come le rape (rapanelli o daikon), sono perfetti. Puoi tagliarli molto sottili e farne delle insalate per accompagnare la tempura.

[one_third][message type=”custom” width=”100%” start_color=”#f6f5ee” end_color=”#ecebe5″ border=”#cecec7″ color=”#333333″]

Ingredienti

[custom_list style=”list-7″]

  • 150 g di farina tipo 1
  • 2 cucchiai di amido di mais
  • 1/2 cucchiaino di lievito nauturale
  • 200 ml circa d’acqua fredda (meglio se gassata)
  • 200 g (circa) di zucca pulita
  • Olio di sesamo

Per la salsina:

[/custom_list]

[/message][/one_third]

Prepara la salsina in cui intingere la tempura, mescolando shoyu o tamari con il succo di limone o di zenzero, un po’ di senape e se serve un po’ d’acqua. Le dosi sono assolutamente soggettive. Il segreto è assaggiare… 😉

Taglia la zucca a fettine piuttosto sottili (circa 3 mm). Prepara la pastella mescolando la farina, l’amido e l’acqua fredda, quanto basta per ottenere una pastella morbida.

Immergi la zucca nella pastella e butta le fettine nell’olio bollente, friggendo per 2-3 minuti.

Scola bene e lascia asciugare su carta assorbente. La tempura va “divorata” subito finchè è calda e croccante.

Se vuoi un risultato più simile a quello della pastella con le uova, puoi aggiungere all’impasto ½ cucchiaino di curcuma, per dare un colore giallo.

 

18 Comments

  • Pubblicato 1 Dicembre 2012 20:19 stelladisale 0Likes

    ma come mi piace la tempura! 🙂 solo che odio friggere e non sono neppure molto capace…
    ma quante ne sono arrivate? tantissime!

    • Pubblicato 2 Dicembre 2012 19:21 Dealma Franceschetti 0Likes

      I primi tempi della frittura in immersione ero terrorizzata! Poi ho scoperto che è facilissimo, basta prenderci la mano. 🙂 Non le ho ancora contate ma sono tantissime!!!!!!!

  • Pubblicato 30 Novembre 2012 22:08 Ale 0Likes

    Deliziosa questa ricetta, proprio gustosa!!! ^_^

  • Pubblicato 30 Novembre 2012 17:58 letissia 0Likes

    Che buona la tempura! Mi hai fatto venire voglia 🙂 Ciao!:)

  • Pubblicato 30 Novembre 2012 12:13 Sara 0Likes

    Trovo sia un piato bellissimo e qui alta all’occhio ancora una volta l’intelligenza di abbinare un elemento ed il suo contrasto per bilanciare.
    Sto mese ha avuto grande successo vero?!
    Ho un’altra ricetta ma te la risparmio!!!hihihi
    bacione

    • Pubblicato 30 Novembre 2012 12:42 Dealma Franceschetti 0Likes

      Hai un’altra ricetta e non ce la mandi???? Ma non sai che è peccato capitale??!!!! 😉 Puoi farcela, hai tempo fino a stasera! Ormai sono curiosissima… 🙂

  • Trackback: Salutiamoci di Novembre: la zucca! | La Via Macrobiotica

Lascia un commento