Esistono più di cento varietà di quinoa, ma le più diffusa dalle nostre parti sono la bianca, la rossa e la nera.

Abbinate sono davvero “scenografiche” e si prestano per scatenare la fantasia.

La quinoa è ricchissima di sali minerali, vitamine e proteine ed è priva di glutine.

Lava la quinoa e portala a bollore con il doppio del volume di acqua e il sale. Quando bolle abbassa la fiamma e lascia cuocere coperto parzialmente per 10 minuti.

Nel frattempo metti l’uvetta a bagno qualche minuto e taglia la cipolla e la carota a dadini. Fai rosolare in padella con 1 cucchiaio d’olio e 1-2 cucchiai d’acqua. Strizza l’uvetta e aggiungila in padella. Aggiungi anche il tamari e cuoci finchè le verdure sono tenere.

Ingredienti

  • ½ cipolla
  • 100 g di carote
  • 40 g di uvetta
  • 4 carciofi
  • 70 g di quinoa bicolore o bianca
  • farina di mais fioretto q.b. (facoltativa)
  • 3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • 2-3 cucchiai di tamari o shoyu (salsa di soia)
  • 1 presa di sale marino integrale

Pulisci i carciofi. Tagliali alla base del gambo e togli le foglie esterne più dure, quindi taglia anche la punta per ottenere metà carciofo. Scava i carciofi all’interno con un coltellino curvo, per togliere tutta la barbetta e creare una cavità sufficiente per poter farcire i carciofi. Metti i carciofi scavati in una ciotola con acqua e limone affinchè non anneriscano.

Per accorciare il tempo di cottura in forno ho sbollentato i carciofi in acqua bollente e salata per 3 minuti.

Pulisci i gambi con un pelapatate e tagliali a cubetti. Aggiungili in padella con le altre verdure, a cuocere qualche minuto.

Quando la quinoa è cotta e l’acqua assorbita (anche non completamente), spegni e lascia riposare coperto per 10 minuti.

Mescola la quinoa con le verdure e riempi i carciofi. Spostali su una teglia con carta forno, spolvera con la farina di mais fioretto o il pangrattato e passa un filo d’olio (circa 2 cucchiai).

Inforna a 190° per 20-30 minuti. Servi caldi o tiepidi.

Se hai difficoltà a trovare la quinoa nei negozi, puoi ordinarla online:

Quinoa

Diventa anche tu un mio Apprendista!

Con il libro o con il Video Corso!

Ti aspettano tante ricette e tanti altri trucchetti pratici per cucinare velocemente piatti sani e golosi. ?

Se acquisti il libro su Macrolibrarsi ricevi in omaggio il mio ebook “Pronto soccorso macrobiotico”:

L'Apprendista Macrobiotico
Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina Macrobiotica Vegana

Voto medio su 61 recensioni: Da non perdere

€ 9,80

9 Comments

  • Pubblicato 2 Marzo 2014 15:28 Alice 0Likes

    Ottima ricetta, da provare sicuramente! 🙂

  • Pubblicato 26 Febbraio 2014 18:22 Elisa Mantovani 0Likes

    Ciao Dealma, ci tenevo a farti sapere che ho fatto il tuo corso in sei lezioni gratuite, molto interessante, mi sto avvicinando alla macrobiotica sempre di più e leggo attentamente tutte le mail inviatemi ho provato molte ricette tutte apprezzate ma solo da mio marito i miei due figli una ragazza di 14 anni e un maschietto di 7 sono, ho paura, due grossi scogli da superare, hai qualche consiglio da darmi in proposito?? A presto e grazie!! Elisa

    • Pubblicato 26 Febbraio 2014 20:27 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Elisa, sapessi quante mamme sono nella tua stessa situazione! Quindi coraggio! Alle mamme come te consiglio sempre di non insistere mai con i famigliari con questo stile alimentare, ma di cercare di introdurlo gradualmente. Un buon metodo credo sia quello di iniziare con ricette particolarmente golose, che piacciono sicuramente a tutti, ad esempio crepes salate, gnocchi di cous cous, sformati, torte salate, ecc. Cerca nel blog, nella categoria “Primi piatti slurp” e troverai qualcosa di goloso per cominciare e poi pian piano si passa a cose più semplici, ma la strada è già aperta. 🙂

      • Pubblicato 28 Febbraio 2014 12:28 Elisa Mantovani 0Likes

        Grazie di cuore per la risposta, vado subito a visionare i primi piatti slurp!!!!!
        A presto Elisa

  • Pubblicato 26 Febbraio 2014 17:38 paola 0Likes

    Ciao Dealma, la proverò senz’altro.
    Ne approfitto per chiederti un chiarimento sulla cottura dei cereali integrali. Ho letto che tenerli in ammollo qualche ora con acqua e limone o acqua e aceto di mele elimina buona parte dell’acido fitico. Pare valga lo stesso per i legumi ma in questo caso la buccia indurisce in cottura.
    Puoi darmi qualche consiglio? adopero molto sia i cereali sia i legumi e non vorrei commettere errori.
    Mi sono avvicinata alla macrobiotica da qualche tempo in maniera “fai da te” e i tuoi consigli e le tue ricette sono preziosissime. Grazie!

    • Pubblicato 26 Febbraio 2014 20:22 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Paola, non c’è da preoccuparsi troppo per l’acido fitico. Un ammollo normale di sola acqua è sufficiente. Tra l’altro stanno emergendo nuovi studi che parlano addirittura di utilità dell’acido fitico….che la natura la sappia più lunga di noi? 😉 Vai serena con l’ammollo normale.

  • Pubblicato 26 Febbraio 2014 12:26 Beatrice 0Likes

    Gentile Dealma,
    questa ricetta è ottima! Al momento non ho la quinoa in casa … E se usassi il miglio? Stravolgerei la tua ricetta? Cosa mi consigli?
    Un saluto
    Beatrice

    • Pubblicato 26 Febbraio 2014 20:18 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Beatrice, ma certo che puoi usare il miglio! Puoi usare tutti i cereali che preferisci. Spesso le mie ricette sono “canovacci” da usare per avere l’ispirazione e modificare in base ai propri gusti e…alla propria dispensa. 🙂

  • Pubblicato 26 Febbraio 2014 12:11 Mara 0Likes

    Interessante l’idea di farcire le verdure con i cereali. Poi in vista della primavera/estate (finirà la pioggia?) sarà proprio utile. Grazie

Rispondi a Dealma Franceschetti Annulla risposta