Seguimi su
Carrello 0 items - €0,00 0
Shopping Cart 0 items - €0,00 0

Ecco le foto della serata speciale “Cookiamo alla grande”, allo spazio Arome di Milano.

Ringrazio tutti voi che mi seguite e che siete venuti a sostenermi, è stato davvero bello sentire la vostra vicinanza e il vostro sostegno.

Ci siamo davvero divertiti a cucinare il Non vitello non tonnato e il salame di cioccolato. E sono felice che vi siano piaciuti!

Complimenti a chi ha vinto la gara di creatività per impiattare il “Non vitello non tonnato” aggiudicandosi il mio ebook “l’alimentazione macrobiotica”, bravi!

Un grazie speciale va a Cristina Savi, la mia assistente (diplomata Sana Gola), il cui aiuto ha permesso la riuscita di questa serata.

8

1-2  Prepariamo il “Non vitello non tonnato”

 

4

6 Una vincitrice della gara con il suo “Non vitello non tonnato” a forma di pesce. Complimenti!

5

_AX_0111  Prepariamo il salame di cioccolato in versione “tartufini”!

_AX_0141 Piccoli macrobiotici crescono… 😉

Nei prossimi giorni aggiungerò altre foto. Chi ha partecipato dia un’occhiata perchè potrebbe scoprire di essere stato “beccato”!

Grazie a tutti per aver partecipato. 🙂

9 Comments

  • Pubblicato 28 Maggio 2014 14:23 Cristina 0Likes

    Approfitto di te per un’altra domanda!
    Leggo spesso che nei dolci c’è l’olio di mais. Innanzitutto, è la stessa cosa dell’olio di semi di mais?
    Il suo uso invece che dell’olio EVO è motivato solo dal gusto più delicato?
    Te lo chiedo perché ho letto in rete che gli oli di semi sono pericolosi se portati ad alte temperature come quella del forno. E’vero?Cosa ne pensi?
    Grazie!

    • Pubblicato 28 Maggio 2014 17:24 Dealma Franceschetti 0Likes

      Credo siano la stessa cosa, ma con una dicitura differente. L’olio extravergine d’oliva sarebbe meglio, ma per i dolci non è molto indicato per via del suo sapore molto forte. Invece gli oli di semi sono più delicati e non si sentono. Però se ti piacciono lo stesso con l’evo ben venga! Che io sappia gli oli di semi reggono abbastanza bene la temperatura, tanto che si possono usare per friggere. Nel dubbio, facciamo dei budini! 😉

  • Pubblicato 28 Maggio 2014 13:01 Cristina 0Likes

    Grazie per il libro Dealma che ho trovato interessantissimo!
    Ho una domanda per te: non amando molto i legumi interi, li mangio spesso in versione “farinata”, facendomi preparare gli sfarinati da un negozio bio che ha un piccolo mulino elettrico.
    Cuocio la farinata per 30’a 220 gradi.
    Questo tipo di cottura e la sfarinatura vanno bene o fanno perdere proprietà nutrizionali ai legumi?
    Per quanto tempo secondo te posso conservare la farinata?
    Grazie
    Cristina

    • Pubblicato 28 Maggio 2014 17:20 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Cristina, mi fa piacere che il mio libro ti piaccia. 🙂
      Dunque, usare i legumi sotto forma di farina va bene, ma ogni tanto. Più che altro è un peccato non usarli sotto forma di seme perchè ci regalano una considerevole energia vitale, che viene perduta sfarinandoli. Ogni tanto è davvero salutare sforzarsi di mangiarli integri. Puoi cucinarli bene per renderli molto buoni. Io ad esempio adoro gli azuki con le cipolle e il rosmarino. C’è un altro segreto per rendere i legumi appetitosi senza ridurli in farina: trasformarli in crocchette, hamburger e sformati! La farinata secondo me si conserva non più di 24 ore.

  • Trackback: Seitan al succo di mirtillo | La Via Macrobiotica
  • Pubblicato 25 Maggio 2014 22:37 tiziana e federico 0Likes

    Ciao!
    Abbiamo ricevuto il tuo ebook come premio per la nostra partecipazione alla gara del “non vitello non tonnato”.
    Siamo stati molto contenti di conoscerti e ci siamo diverititi a sperimentare le combinazioni dei vari ingredienti. Buonissime anche le palline di cacao ( anticamera del salame di cioccolato) che federico è riuscito a preparare.
    Siamo felici di averti al fianco nel nostro percorso sulla via verso la macrobiotica.
    un carissimo saluto e … alla prossima!
    tizfede

    • Pubblicato 26 Maggio 2014 09:09 Dealma Franceschetti 0Likes

      Grazie a voi per aver partecipato! Sono felice che le palline al cacao vi siano piaciute. Ora dovete sperimentare a casa la versione “salame di cioccolato”. 🙂

  • Pubblicato 23 Maggio 2014 17:43 Donatella 0Likes

    sei sempre così……”grande” nella tua semplicità, che riesci a coinvolgerci a distanza!!!!!
    ti meriti tutto e di più
    un abbraccio ,Donatella

Rispondi a Dealma Franceschetti Annulla risposta