Amo le polpette! E queste sono davvero facilissime.

Le polpette sono un ottimo sistema per conquistare i bambini, ma sono preziosissime per noi adulti che a volte ci annoiamo a mangiare sempre le solite cose…quando ho voglia di qualcosa di sfizioso faccio polpette!

Ingredienti

Per circa 20 polpettine

  • 300 g di ceci cotti
  • 3-4 rametti di prezzemolo
  • 1 punta di cucchiaino di curry
  • 1 punta di cucchiaino di curcuma
  • 2 cucchiai di shoyu (salsa di soia)
  • 2 manciate di semi di girasole (circa 20 g)
  • la buccia di una arancia
  • 1-2 foglie di menta
  • farina di mais bramata

Per la majo:

  • 100 ml di latte di soia (ci vogliono marche con tanta lecitina se no non viene!)
  • 80 g di yogurt di soia non dolcificato (facoltativo)
  • 30 g di olio e.v.o.
  • 60 g di olio di girasole
  • succo di limone a piacere
  • ½ cucchiaino di sale marino integrale (circa 3 g)
  • ½ cucchiaino di senape
  • 1/2 cucchiaino di curcuma

Frulla i ceci con le foglie del prezzemolo, il curry, la curcuma, lo shoyu, i semi di girasole, la buccia dell’arancia e la menta.

Otterrai un impasto modellabile.

Con le mani forma delle polpette e passale nella farina fioretto.

Trasferisci in una teglia con carta forno e inforna per 20 minuti a 170° gradi.

Nel frattempo prepara la majo frullando il latte con il sale, la senape, la curcuma, il limone e lo yogurt.

Poi aggiungi l’olio e frulla. Metti in frigorifero 10 minuti.

Sforna le polpette e servile accompagnate dalla maionese.

Nota importante per la riuscita della maionese: non tutti i tipi di latte di soia sono adatti. Se contengono poca lecitina di soia, la maionese non monta. In commercio ci sono alcune marche con una buona quantità sufficiente di lecitina. Io preferisco la marca Provamel, ma sono riuscita anche con Isola Bio. Quindi se capita che la maionese non venga, cambia marca del latte.

Macro consiglio: per un uso ottimale del latte di soia, sarebbe meglio farlo sempre cuocere. Usandolo per fare la maionese resta crudo, quindi sarebbe meglio farlo cuocere prima per almeno 10 minuti (anche di più se possibile), lasciarlo raffreddare bene e poi usarlo per la maionese.

Se non riesci a trovare nei negozi un latte di soia adatto per la maionese, puoi trovarlo qui:

Bevanda di Soia Bio
Biologico – Senza zuccheri aggiunti

Voto medio su 285 recensioni: Da non perdere


Diventa anche tu un mio Apprendista!

Con il libro o con il Video Corso!

Ti aspettano tante ricette e tanti altri trucchetti pratici per cucinare velocemente piatti sani e golosi. ?

Se acquisti il libro su Macrolibrarsi ricevi in omaggio il mio ebook “Pronto soccorso macrobiotico”:

L'Apprendista Macrobiotico
Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina Macrobiotica Vegana

Voto medio su 61 recensioni: Da non perdere

€ 9,80

7 Comments

  • Pubblicato 4 Febbraio 2021 13:29 Mariangela Musolino 0Likes

    Ciao Dealma, a proposito del latte di soia periodicamente lo alterno, a colazione, con altri tipi di latte vegetale (avena , riso …) biologico. L’ho sempre scaldato ma non bollito per 10 minuti. Anche in questo caso è necessario attenersi alla procedura che hai indicato? cioè cuocerlo anche per 10 minuti anche se è addizionato con calcio?
    grazie

    • Pubblicato 4 Febbraio 2021 16:57 Dealma Franceschetti 0Likes

      Non è indispensabile, ma è consigliabile per questioni energetiche, per yanghizzarlo. Sul fatto che sia addizionato o meno di calcio penso sia ininfluente per ciò che riguarda il bollirlo.

  • Pubblicato 30 Aprile 2020 11:20 sonia 0Likes

    Tuo commento *
    Ciao Dealma , che percentuale minima ci vuole di lecitina, nel latte di soia, perché venga la maio veg? Al momento quello della Provamel non è disponibile…..Grazie

  • Trackback: Burger di riso integrale e lenticchie con salsa tzatziki | La Via Macrobiotica
  • Pubblicato 8 Maggio 2019 18:53 Elisabetta 0Likes

    Ciao Dealma. Non ti vengono asciutte le polpette? Come si fa per ovviare?

    • Pubblicato 9 Maggio 2019 09:06 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Elisabetta, no non vengono asciutte, provale. E nel caso, per ovviare, accompagnale con una salsina. 🙂

Rispondi a Dealma Franceschetti Annulla risposta