Seguimi su
Carrello 0 items - €0,00 0
Shopping Cart 0 items - €0,00 0

Nella cucina macrobiotica si privilegiano alcuni alimenti rispetto ad altri.
Gli alimenti principali sono:

  • I cereali: possibilmente integrali e interi, cioè sotto forma di chicco, rappresentano il cardine di questo stile alimentare.
  • Le verdure di stagione: abbinate sempre ai cereali, oltre che cucinate a parte.
  • I legumi secchi: compaiono tutti i giorni in piccole quantità.
  • Le alghe: tutti i giorni in piccole quantità.
  • I condimenti speciali: miso, tamari, shoyu, umeboshi, gomasio, ecc.
  • Verdure fermentate: insalatini e verdure pressate.

Questi alimenti, se utilizzati regolarmente, possono favorire le funzioni del tuo corpo, rinforzando gli organi e stimolando la disintossicazione e la rigenerazione.

Gli alimenti utilizzati meno frequentemente sono:

  • I derivati della soia: tempeh e tofu.
  • Frutta di stagione
  • Frutta secca
  • Pesce a carne bianca
  • Prodotti da forno
  • Farine
  • Dolci macrobiotici

Gli alimenti considerati “problematici” e quindi evitati o ridotti al minimo sono:

  • Carne bianca e rossa e salumi
  • Uova
  • Latticini
  • Formaggi
  • Crostacei e molluschi
  • Frutta tropicale
  • Cioccolato
  • Caffè
  • Alcol
  • Zuccheri raffinati

Questi alimenti, se utilizzati frequentemente, possono rallentare o addirittura ostacolare le funzioni del tuo corpo, creando squilibri, sotto forma di accumuli, tensioni e debolezza.

LA SCELTA VEGAN DELLA VIA MACROBIOTICA

Nella macrobiotica classica il cibo animale è presente in una piccola percentuale sotto forma di pesce a carne bianca. Se si gode di buona salute è considerato accettabile mangiare gli altri tipi di cibo animale molto raramente nelle occasioni speciali.

La Via Macrobiotica però sceglie di eliminare totalmente il cibo di origine animale proponendo uno stile alimentare completamente vegetale. Questa scelta nasce dal desiderio di migliorare la salute delle persone e del pianeta e salvaguardare gli animali dalla sofferenza.

Per poter spiegare cos’è la macrobiotica è necessaria una visione più ampia che comprenda anche il cibo animale, anche se poi si sceglie di non mangiarlo. Quindi nella teoria è incluso il cibo animale per meglio comprendere gli effetti del cibo sul corpo a livello energetico, ma in pratica può essere escluso, pur seguendo i principi base della macrobiotica. In ogni caso la macrobiotica non prevede regole rigide, né divieti, ma suggerisce un diverso modo di guardare al cibo nella speranza che ognuno possa trovare il proprio stile alimentare.

La Via Macrobiotica suggerisce di eliminare il cibo animale, ma non lo vieta, proprio in accordo con i principi della macrobiotica che non prevedono divieti assoluti. Chiunque è benvenuto a La Via Macrobiotica, anche chi non è vegetariano o vegano. Ognuno è libero di compiere le proprie scelte e di rispettare i propri tempi. La scelta di abbandonare il cibo animale va attentamente considerata, capita e “metabolizzata”. E per questo a volte ci vuole un po’ di tempo. Nella maggior parte dei casi è necessario un vero e proprio percorso per liberarsi dalla dipendenza dalla carne. Ma nessuno verrà “costretto” ad eliminare il cibo animale!

La Via macrobiotica è un’occasione di crescita e di consapevolezza, indipendentemente dalla scelta vegetariana o vegana, ma per chi lo desidera, può essere l’opportunità per intraprendere questo percorso con consapevolezza e attenzione, in modo da evitare i più comuni errori di chi sceglie il vegetarismo o il veganismo.

35 Comments

  • Pubblicato 11 Novembre 2014 22:09 Claire 0Likes

    Ciao Dealma!
    Oggi ho comprato un po’ di frutta disidratata e mi sono posta questo quesito. La frutta, anche se di stagione, è sconsigliata perché contiene molta acqua ed è perciò molto raffreddante. Allora come ci si comporta con quella disidratata con metodo naturale e ovviamente senza zucchero? Si può mangiare qualche porzione in più?
    Te lo chiedo perché dopo i pasticci delle scorse settimane, ho capito che forse ho tolto troppo in fretta certi alimenti che per me prima erano essenziali e ne ho risentito a livello di testa. La frutta è una di questi, così questa settimana ne sto mangiando poca, ma quasi tutti i giorni, anche perché con i budini sono negata e al pomeriggio non so mai che cosa mangiare.

    Claire

    • Pubblicato 12 Novembre 2014 09:07 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Claire, la frutta può dare una sorta di “dipendenza” perchè è ricca di fruttosio, quindi fai bene a ridurla gradualmente. La frutta non è sconsigliata dalla macrobiotica in senso assoluto, ma a seconda dei bisogni personali, dello stile alimentare, delle patologie, ecc. Cambia molto anche se consumata cruda o cotta. E’ importante comunque non abusarne, soprattutto se si segue uno stile alimentare naturale, quindi povero o addirittura privo di cibo animale. La frutta disidratata è meno yin di quella fresca proprio perchè ha perso l’acqua, quindi puoi mangiarla più spesso anche in inverno senza risentirne, ma è sempre molto soggettivo, bisogna provare ed ascoltarsi. Se non sei ancora ferrata sui budini, prova le barrette di cereali per merenda, oppure della semplice frutta cotta. Cuocendola viene yanghizzata, quindi è meno problematica.

  • Pubblicato 8 Novembre 2014 15:46 Claire 0Likes

    Quindi in questo momento andrebbe meglio quello di riso? Ho letto che in autunno gli organi più a rischio sono i polmoni. Però il fegato è un organo molto importante, essendo deputato alla disintossicazione dell’organismo. Consigli? Il gusto è simile?

    • Pubblicato 8 Novembre 2014 18:46 Dealma Franceschetti 0Likes

      Il sapore del miso di riso e di quello o d’orzo è un po’ diverso, dipende dai gusti personali. In questa stagione il fegato ha bisogno di un “aiutino” perchè non è sostenuto dalle energie esterne, quindi il miso d’orzo va sicuramente bene, ma dipende anche della proprie condizioni personali. Si possono comunque alternare.

  • Pubblicato 4 Novembre 2014 20:09 Claire 0Likes

    Esiste anche in polvere, l’ho trovato in un negozio che vende prodotti sfusi e non è un preparato istantaneo, almeno non così mi era stato presentato.
    Comunque, dato che l’ho funito, comprerò quello in vasetto. Quale mi consigli? Orzo o riso?

    • Pubblicato 4 Novembre 2014 21:52 Dealma Franceschetti 0Likes

      Interessante, non l’ho mai visto. Vanno bene si riso sia orzo, è soprattutto questione di gusti, anche se volendo qualche differenza c’è. Quello di riso stimola energeticamente polmoni e colon, quello d’orzo il fegato. 🙂

  • Pubblicato 4 Novembre 2014 19:08 Claire 0Likes

    Ciao Dealma! Sono sempre io…
    Volevo chiederti un’informazione sul miso. Ho sempre preso quello in polvere, ma oggi sono entrata in un negozio e ho trovato una specie di impasto, sia di riso che di orzo. Mi viene il dubbio che si intenda quel tipo di miso e non la polvere che ho sempre usato e di cui lamentavo la mancanza di scioglievolezza. C’è differenza?

    • Pubblicato 4 Novembre 2014 19:29 Dealma Franceschetti 0Likes

      Il miso classico è quello in pasta nel vasetto di vetro. Non ho mai sentito parlare di miso in polvere. A meno che tu intenda la bustina di zuppa di miso istantanea, che è in polvere, ma non si tratta di miso. Il miso classico, in pasta, si scioglie a parte in un po’ di liquido di cottura e poi si aggiunge a fine cottura. 🙂

  • Pubblicato 9 Luglio 2014 16:59 Monica 0Likes

    Ciao! appena ricevuta prima lezione del minicorso, grazie!!! Mi sei stata “segnalata” dall’osteopata di mia figlia (strani discorsi possono venir fuori durante una seduta!) e girerò sicuramente la segnalazione ad una mia amica interessata alla macrobiotica ma senza “lumi”! Non so quanto potrò mettere in pratica con una figlia celiaca, ma di sicuro ci provo!!!
    felice estate!!!

    • Pubblicato 9 Luglio 2014 17:53 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Monica, vedrai che riuscirai senz’altro a fare molte cose. Mi sento di dirti che sto sperimentando con una ragazza celiaca una “terapia alimentare” per risolvere la celiachia, con ottimi risultati. Se vuoi saperne di più mandami una mail. Nel frattempo buona sperimentazione! 🙂

Lascia un commento