Marinare il tofu per almeno 30 minuti (ma sarebbe meglio qualche ora) ci permette di yanghizzarlo, essendo il tofu un alimento molto yin, che può raffreddare e indebolire il corpo se usato crudo. La marinatura con sale o salsa di soia e la cottura, hanno effetto yanghizzante.

 Ingredienti

  • 1/2 panetto di tofu naturale
  • tamari o shoyu (salsa di soia) q.b.
  • aromi vari (rosmarino, salvia, ecc)
  • 1/2 porro
  • 1 carota
  • una manciata di radicchio
  • 1 cucchiaio d’olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaino di succo di zenzero
  • germogli freschi

Taglia il tofu a cubetti piccoli e fallo marinare con tamari, succo di zenzero e aromi vari per almeno 30 minuti. Affetta sottile il porro e le carote e fai saltare in padella 2 minuti con l’olio.

Aggiungi il tofu e il radicchio a striscioline e fai cuocere 5 minuti. Se necessario aggiungi un po’ di tamari. Aggiungi i germogli e il piatto è pronto.

Puoi preparare questo piatto utilizzando tutte le verdure di stagione che ti piacciono.

 

Tamari Bio - Salsa di Soia
Condimento dalla consistenza densa e ricca, dal sapore pieno e rotondo.

Voto medio su 29 recensioni: Da non perdere

€ 23,78

Shoyu Bio
Salsa di soia

Voto medio su 72 recensioni: Da non perdere

€ 4,08

Diventa anche tu un mio Apprendista!

Con il libro o con il Video Corso!

Ti aspettano tante ricette e tanti altri trucchetti pratici per cucinare velocemente piatti sani e golosi.

Se acquisti il libro su Macrolibrarsi ricevi in omaggio il mio ebook “Pronto soccorso macrobiotico”

L'Apprendista Macrobiotico
Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina Macrobiotica Vegana

Voto medio su 62 recensioni: Da non perdere

€ 9,80

11 Comments

  • Pubblicato 2 Aprile 2015 00:40 Michela 0Likes

    Non vedo l’ora di provarla! Posso sostituire il tamari con lo shoyu e i germogli di grano saraceno con altri che mi trovo a casa? Rosamarino e salvia vanno utilizzati solo per la marinatura e poi gettati via?

    • Pubblicato 2 Aprile 2015 12:21 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ma certamente! Puoi fare tutte le sostituzioni che preferisci. Gli aromi restano, ma dipende anche dalla sensibilità personale.

  • Trackback: I germogli: cibo rivitalizzante e terapeutico | La Via Macrobiotica
  • Pubblicato 23 Dicembre 2012 12:08 patrizia dacol 0Likes

    scusa sono nuova .sto cercando di capire come trovare la ricetta di una cotoletta di tofu e patata lessa che ho intravisto e non riesco piu a trovare c’e un modo per salvare le ricette preferite?grazie ciao

    • Pubblicato 23 Dicembre 2012 12:18 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Patrizia,
      non ricordo di aver pubblicato una ricetta con cotolette di tofu e patata…ricordo delle “cotolette di tempeh” da mettere nei sandwich, prova a vedere se è questo che avevi intravisto. Per salvare le ricette puoi fare “copia e incolla” o salvarle nei “preferiti”. Approfitto per farti gli auguri! 🙂

  • Pubblicato 2 Settembre 2012 08:49 BB 0Likes

    Millegrazie per la tua disponibilità e per condividere il tuo sapere!
    Ieri sera la mia prima zuppa di miso: ottima!
    Ne seguiranno altre………….

  • Pubblicato 13 Agosto 2012 15:45 BB 0Likes

    Scusami se forse sarà una domanda ridicola e della quale dovrei già aver intuito la risposta ma perchè è importante utilizzare il ” tofu cotto “?
    Da tempo lo consumo nelle insalate ma crudo!
    Grazie
    BB

    • Pubblicato 13 Agosto 2012 19:43 dealma 0Likes

      La soia è un legume piuttosto indigesto, infatti da millenni viene usata sotto forma di fermentati (miso, salsa di soia, tempeh) che sono più digeribile proprio perchè la soia viene “predigerita”. Il tofu non è un fermentato, quindi va cotto bene proprio per renderlo più digeribile. Ma c’è un altro motivo: è anche molto yin, quindi molto raffreddante. La cottura lo “yanghizza” un po’ riducendo l’effetto raffreddante. Pensa che è talmente raffreddante che si può usare per abbassare la febbre mettendone qualche fettina sulla fronte! Vecchio rimedio macrobiotico… 🙂
      Se vuoi continuare ad usarlo nelle insalate puoi semplicemente cuocerlo prima e farlo raffreddare, magari lasciandolo qualche minuto in acqua fredda.

      • Pubblicato 14 Giugno 2013 14:06 Sara 0Likes

        Ciao, mi inserisco in questo commento perché cercavo proprio una spiegazione sul perché non si mangia il tofu crudo… ieri nella gastronomia bio-vegetariana dove di solito trovo gli ingredienti che non trovo altrove nella mia città, il tipo mi ha detto che lui il tofu lo usa anche crudo (a volte se lo fa lui) perché comunque il “latte” di soia si cuoce prima di cagliarlo e questo procedimento secondo lui rende il tofu un alimento utilizzabile anche così com’è. Gli ho detto che la mia “guru” della macrobiotica ripete spesso di non usare mai il tofu crudo, al limite marinato ma mai crudo. Lui voleva capire il perché di questa tua indicazione e ragionando al momento gli ho detto che essendo un alimento molto yin andava in qualche modo yanghizzato tramite calore o marinatura, ma a lui non bastava questa spiegazione perché non seguendo la macrobiotica non si preoccupa dell’equilibrio yin-yang, quindi gli ho promesso che ti avrei chiesto bene quali altre controindicazioni ci sono all’utilizzo del tofu crudo… Sarei già a posto con questo commento che ho trovato (indigeribilità), per caso hai altro da aggiungere a quel che hai scritto a BB? Appena gli racconto del tofu come rimedio x abbassare la febbre lo “converto” di sicuro: la bussola yin-yang è il parametro più chiaro e semplice che ci sia!

        • Pubblicato 14 Giugno 2013 16:03 Dealma Franceschetti 0Likes

          Ciao Sara, è vero che il latte di soia viene cotto per fare il tofu, ma di solito per pochi minuti (le ricette macrobiotiche parlano di 8 minuti), non abbastanza per renderlo ben digeribile e ridurre la carica yin della soia. Probabilmente cuocendolo di più prima di cagliarlo (direi 15-20 minuti), è possibile usarlo crudo. Che io sappia i problemi potenziali della mancata cottura del tofu sono legati solo alla digeribilità e all’effetto raffreddante. 🙂

Rispondi a BB Annulla risposta