“Mangiare è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte.”
Francois de la Rochefoucauld

La colazione macrobiotica

La colazione è il tallone d’Achille di molte persone. C’è chi la salta completamente, chi beve solo un caffè, chi si coccola al bar con cappuccio e brioche. C’è chi, più attento, mangia cereali soffiati, muesli, fiocchi, ecc.

Ma la colazione può essere l’occasione per mangiare un cereale integrale in chicco.

Come? Con la famosa crema di cereali macrobiotica, ad esempio. La crema di cereali è quasi una “medicina”, perché nutre in profondità il corpo, regalandoci un’energia stabile e duratura. Puoi provare al versione alle mele e cannella.

Se non ti piace la crema di cereali, puoi comunque mangiare del riso integrale lessato, aggiungendo ingredienti a piacere come uvetta, malto, semi oleosi, ecc. Come in questa ricetta.

Oppure preparare delle torte di riso, con semi oleosi, frutta disidrata, frutta fresca e addirittura verdure! Come in questa ricetta.

Per i meno volenterosi è possibile optare per dei compromessi comunque salutari, come il porridge, preparato con latte di riso, fiocchi d’avena o d’orzo, uvetta e malto di riso. Oppure un dolce a base di fiocchi, come la torta ai fiocchi d’avena.

Per una colazione più golosa e più simile a quella classica con cui siamo cresciuti tutti quanti, si possono preparare torte e biscotti vegani, crepes senza uova e latte e tanti altri dolci naturali che possono sostituire le brioches e i biscotti classici contenenti zucchero, burro, latte e uova.

E da bere? E’ sicuramente bene evitare il caffè e preferire caffè d’orzo oppure il tè Kukicha.

Per chi volesse esplorare nuovi orizzonti consiglio la colazione salata. Nella maggior parte dei paesi la colazione non differisce molto dagli altri due pasti. Possiamo mangiare il riso con verdure avanzato della sera prima, o la zuppa di cereali e verdure o la crema di cereali salata. La colazione salata regala una sferzata di energia in più, che ci aiuta ad iniziare la giornata col piede giusto.

Commenti

27 commenti
  1. ciao! Che bello leggerti, per me che è tutto nuovo è importantissimo!
    Dunque sarò brevissima, per varie situazioni ho deciso di cambiare il mio regime alimentare sono stata 28 gg a riso integrale, due mesi a riso integrale e radici (carote, finocchi e sedano) e ora posso mangiare:
    Colazione
    Zuppa di misu con fiocchi di mais o di riso
    oppure
    riso+ lenticchie rosse dec.+ prugna umeboshi e un pugno di miglio
    Pranzo: riso carore etc..
    Cena: Zuppe, porridge, passati(comunque liquido)io aggiungo avena farro e orzo
    ho alcune domande:
    Non posso mangiare verdure a foglia verde, mi chiedo se la cipolla il porro posso cucinarle e quali sono gli ortaggi che secondo te posso cucinare
    la colazione e il dolcino giornaliero possono essere fatte con latte di riso e cioccolato amaro
    ti ringrazio tanto
    Monica

    • Ciao Monica, non posso darti indicazioni precise perchè non conosco la tua situazione e soprattutto non so perchè hai dovuto seguireuna dieta così stretta e non puoi utilizzare foglie verdi. Immagino ci siano motivi precisi e non conoscendoli non posso aiutarti. Se vuoi puoi scrivermi privatamente via mail o considerare la consulenza.

      • Ciao, capisco e grazie comunque! E’ un medico che mi ha consigliato questo regime alimentare, un omeopata, gastroenterologo, chirurgo.. di Bologna, piuttosto conosciuto, ho preferito disintossicarmi e curami così.. mi sento bene e sono serena..credo molto nel curare il corpo con l’alimentazione e con un cambio di mentalità e di vita..
        Volevo veramente che tu mi aiutassi a capire quali sono gli ortaggi a foglie verdi e se ce ne sono alcuni considerati tali che alla vista potrebbero ingannarmi..
        ti leggo sempre ti ringrazio ancora e considererò la consulenza anche per un regalo di compleanno non molto lontano.
        Complimenti!

        • E’ bello sapere che ci sono persone che hanno la voglia di curarsi con il cibo. 🙂 Per provare ad aiutarti sulle foglie verdi devo sapere qual’è il probrlema che le ha fatte escludere, altrimenti non so proprio da che parte cominciare, mi spiace! In generale posso dirti che cosiddetti “ortaggi a foglie verdi” sono proprio quelli che le foglie di colore verde, chiaro o scuro, che si possono mangiare, quindi anche i porri ad esempio, sono foglie verdi. La cipolla no, non è considerata foglia verde, quindi penso che possa andar bene. 🙂

        • Cara mi potresti fornire il nome del medico di Bologna io abito in questa città al momento soffro di orticaria cronica e fibromialgia avrei bisogno di appoggiarsi ad un medico in gamba Grazie e saluti
          SANDRA

  2. Ciao,mi piace leggere, e mi sono imbattuta da poco in questo sito e devo dire che mi piace molto.
    Da poco più di 2/3mesi sto cercando di cambiare alimentazione,mi piace mangiare i diversi cereali che ci sono ma non è sempre facile.
    Ho giusto qualche domanda:perchè evitare le uova,le patate e i pomodori???
    Saluti i tati

    • Ciao Tati, pomodori e patate sono solanacee quindi contengono solanina, un alcaloide tossico. Mangiati ogni tanto non sono un problema, ma spesso possono diventarlo sovraccaricando il corpo. Inoltre sono anche energeticamente molto yin. Comunque basta non esagerare. Le uova sono al contrario molto yang, quindi possono creare contrazione e ristagno, soprattutto nel corpo femminile. Buon lavoro! 🙂

  3. posso chiederti la ricetta di una crema di cereali?

  4. Ciao Dealma
    non so se ne hai già parlato, ma vorrei chiederti: preparare la crema di riso con la farina di riso integrale, ha la stessa efficacia di quella fatta con riso in chicco? alcune volte la preferisco per la velocità di preparazione, ma vorrei sapere anche il tuo parere.
    grazie mille

    • Ciao Cristin, non è la stessa cosa purtroppo. La farina non possiede più l’energia “curativa” del riso in chicco, che al contrario della farina, rimane integro sia dal punto di vista nutrizionale, sia energetico. Il chicco intero trasmette un’energia di “centratura”, regalandoci calma, concentrazione, lucidità mentale e non alza velocemente la glicemia stressando il pancreas. Mentre la farina, essendo diventata yin e venendo assorbita più velocemente, fa esattamente il contrario. Quindi ogni volta che ti è possibile, scegli di prepararla con il chicco! Considera che una volta pronta dura in frigorifero 4 giorni ,quindi è anche comoda dal punto di vista pratico. Basta scaldare la quantità che pensi di mangiare e in 3 minuti la colazione è pronta. 🙂

  5. la mattina dunque potrei mangiare anche 60 gr.di riso integrale con 30gr. di frutta secca?
    e secondo lei posso congelare miniporzioni di riso integrale così da scongelarle la sera prima per avere sempre il riso a disposizione? oppure il congelatore intacca le roprietà del riso?
    grazie per l’eventuale risposta.
    cordiali saluti Ale

    • Buongiorno Ale, non posso darle indicazioni circa le quantità precise perchè può farlo solo il medico o il dietologo. Posso però dirle che una colazione a base di riso integrale e frutta secca è ottima. Se è necessario può congelare il riso, anche se perderà un po’ di “energia”. Proverei però a tenerlo semplicemente in frigorifero. I cereali lessati durano in frigo 4-5 giorni.

  6. Vero il riso integrale e fantastico risulta a qualcuno del blogg se la crema di riso integrale e leggermente amara e una mia fissazione o c’è del vero . Faccio la farina di riso con un mulino domestico a pietra al momento che devo preparare la crema (mi sembra che così sia più viva dal momento che quelle che si comprano sono morte ). Grazie per la risposta

    • Ciao Franco, se usi la farina al posto del chicco intero, allora è possibile che si crei un sapore amaro. Ti sconsiglio la farina per la crema di riso, anche se macinata al momento. Usa il riso integrale in chicco come in questa ricetta, così puoi beneficiare davvero del potere del riso.

  7. Devo assolutamente dimagrire…(ho smesso di fumare e sono in preda alla fame nervosa di compensazione) . A me piace molto la macrobiotica ma nessuno mi parla di quantità da mettere nel piatto ; se deve stare attenti anche alle quantità? Chi me le dice? Grazie, Donatella

    • Ciao Donatella, la quantità è meno importante della tipologia di cibo. Mangiando alimenti con potere dimagrante come ad esempio il riso integrale, non è necessario preoccuparsi delle quantità. Se mangi masticando molto, sarà il tuo corpo a dirti di quanto cibo ha bisogno. Il segreto per dimagrire è puntare al benessere! Non ai chili in meno, che se ne andranno da soli se crei uno stile alimentare basato su cereali in chicco integrali e semi-integrali (soprattutto il riso integrale), verdure, legumi e alghe. Eliminando o riducendo drasticamente il cibo animale, le farine (anche integrali!) e gli zuccheri raffinati riuscirai a dimagrire. Ci vuole anche un po’ di attività fisica regolare, non tanto per bruciare calorie, quanto per attivare l’apparato circolatorio e linfatico. Per la fame nervosa e la voglia di dolce: succo di mela caldo (quello limpido). Sperimenta e se hai bisogno di aiuto, puoi pensare alla consulenza.

  8. A proposito di prima colazione e buone abitudini mattutine, volevo chiederti cosa ne pensi, e in generale come viene vista in macrobiotica, l’abitudine di bere acqua tiepida e limone appena svegli…

    • Dipende, in generale può essere una buona abitudine, che lavora soprattutto sul fegato, per dargli una “svegliata” al mattino.

  9. Meglio mangiare una prugna umeboschi e bere un bicchiere di acqua calda prima di colazione. Non porta l’acidità del limone ed è un ottimo rimedio contro la stipsi.

  10. Ciao :). La scorsa settimana ho fatto per la prima volta il latte di mandorla che è uscito bene. So che con lo “scarto” delle mandorle ben strizzate si possono preparare molte cose. Potresti suggerirmi qualche ricetta per fare un dolce ??? Grazie

    • Ciao Rossella, puoi usarlo nel pane, nei biscotti, oppure come ho fatto io per preparare un formaggio! Prova la mia formaggetta alle mandorle, fatta proprio con lo “scarto” rimasto dopo la preparazione del latte. 🙂

  11. Ciao Dealma,
    amo la crema di cereali e la mangerei non solo per colazione ma anche pranzo e cena 🙂
    Qualche volta mi capita però di non avere il tempo di preparala e ultimamente ho pensato di mangiare pumpernickel con shiro miso spalmato sopra e una spruzzata di gomasio. Questo ha un senso curativo/energetico?
    In questi giorni poi ci bevo insieme il kuzu con umeboshi.
    Sono iscritta a LSG per diventare terapista ma non siamo ancora arrivati all’energia del cibo ed è facile che faccia più disastri che altro 🙂
    Grazie mille e una buona giornata!

    • Ciao Moni, innanzi tutto non preoccuparti di fare “disastri” con l’energia. Tutti sbagliamo ogni tanto e sbagliando si impara. 🙂 Shiro miso e gomasio insieme potrebbe essere un po’ troppo…troppo sale. Meglio sarebbe bilanciare lo yang del miso con il tahin. Prova a mescolarli, stemperando con poca acqua. Viene una salsina salata buonissima! Come in questa ricetta ad esempio. Sull’avere o meno proprietà curative energetiche, quello dipende da come sei tu, dalla tua costituzione e condizione, da cos’altro mangi, ecc. Ad esempio se c’è un problema yin, possiamo considerare la colazione salata con il miso e il gomasio “curativa”. Oltre al pane con la salsina sperimenta ad esempio questa torta di riso. Ti dura in frigo 2-3 giorni e può servire sia come colazione sia come spuntino. 🙂

  12. Grazie Dealma per la tua pazienza… è vero, tutto dipende da come siamo 🙂
    Credo di avere problemoni energetici oltre a dipendenza da dolci e grassi 😉 quindi è meglio se mi affido a mani esperte: ti ho inviato una richiesta di consulenza. Grazie di cuore.

Scrivi un commento