Stranamente qualche giorno fa mi è venuta voglia di latte e  biscotti…latte vegetale ovviamente….erano anni che non succedeva, così apro la dispensa e scopro di aver praticamente finito la farina! E anche il malto!!!!

Erano avanzati solo un paio di cucchiai di farina di farro, ma non mi sono arresa ed è iniziata la solita sperimentazione con ingredienti di fortuna.

Avevo farina di castagne, di mais e di riso. Tentar non nuoce….e sono saltati fuori dei biscotti davvero buoni e friabili.

L’unica difficoltà sta nel non romperli al momento di tagliarli e trasferirli in teglia per cuocerli, perchè l’impasto è davvero delicato.

Ingredienti

Per circa 10 biscotti

  •  1 cucchiaio di farina di castagne
  • 1 cucchiaio  di farina di riso
  • 2 cucchiai  di amido di mais
  • 1 cucchiaio  di farina di mais fioretto
  • 3 cucchiai  farina tipo 1 o 2 oppure integrale
  • 3 cucchiai di zucchero di canna integrale (muscobado)
  • 1 cucchiaio  di crema di mandorle
  • 3-4 cucchiai  d’olio di mais
  • 1 pizzico di sale marino integrale
  • latte vegetale q.b.

Per il cuore alla mandorla:

  • 1 cucchiai  crema di mandorle (o di nocciole)
  • 2  cucchiai di muscobado

Per il latte di accompagnamento:

  • 1 bicchiere di latte vegetale
  • 1 cucchiai  malto
  • anice stellato
  • 1 pizzico di curcuma

Unisci le farine, l’amido, il sale e lo zucchero e aggiungi l’olio. Impasta e forma una palla. Se è necessario aggiungi un po’ di latte vegetale o altro olio. Avvolgi la palla nella pellicola e lasciala riposare in frigo per mezz’ora.

Prepara “il cuore” unendo la crema di mandorle con lo zucchero.

Stendi la pasta dello spessore di poco meno di 1 cm e tagliala come preferisci per fare i biscotti.

Con delicatezza trasferiscili su una teglia rivestita con carta forno e con la punta del dito forma un piccolo solco al centro di ogni biscotto e deposita una pallina di crema di mandorle.

Inforna per 15 minuti a 170°.

Sforna e lascia raffreddare.

Se vuoi accompagnarli con il latte all’anice e curcuma trasferisci il latte in un pentolino. Aggiungi il malto, la curcuma e un seme di anice stellato.

Porta a bollore mescolando e spegni.

Se non riesci a trovare la crema di mandorle nei negozi, puoi ordinarla qui:

Crema di Mandorle

Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere

Diventa anche tu un mio Apprendista!

Con il libro o con il Video Corso!

Ti aspettano tante ricette e tanti altri trucchetti pratici per cucinare velocemente piatti sani e golosi. ?

Se acquisti il libro su Macrolibrarsi ricevi in omaggio il mio ebook “Pronto soccorso macrobiotico”:

L'Apprendista Macrobiotico
Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina Macrobiotica Vegana

Voto medio su 61 recensioni: Da non perdere

€ 9,80

21 Comments

  • Pubblicato 20 Maggio 2014 09:01 Luisa 0Likes

    Ciao Dealma,
    ho provato a fare i biscotti e sono venuti molto buoni ma forse un po’ troppo dolci per i miei gusti. In verità non avevo la farina di mais e l’ho sostituita con farina di riso integrale ed al posto del muscobado ho messo la panela. Volendo usare il malto quale può essere la quantità giusta? La cremina fatta con crema di nocciole e panela era poco ‘cremosa’, a tuo avviso posso omettere lo zucchero?
    Grazie e buona giornata!

    • Pubblicato 20 Maggio 2014 15:11 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Luisa, la Panela è forse un po’ più zuccherina del Muscobado, però la percezione del dolce è comunque molto personale. La quantità di malto necessaria rispetto allo zucchero è di quasi il doppio, però se dovessi provare con il malto, ne metterei 4-5 cucchiai. Per avere la cremina più cremosa puoi aggiungere un po’ di latte vegetale o un po’ d’acqua, oppure usare il malto al posto dello zucchero.
      Se non metti lo zucchero o il malto, non sarà dolce perchè la crema di mandorle è neutra, ma potrebbe essere buona lo stesso. Se non mi fossi ritrovata senza malto lo avrei usato decisamente al posto del muscobado, quindi farò esperimenti. 🙂

  • Pubblicato 15 Maggio 2014 12:37 Germana Accorsi 0Likes

    Buona idea, ho in casa della farina di mais ( quella che cuoce in 5 minuti) e mi chiedo se puoi andare bene.
    Proverò a dolcificare con il malto perchè da tempo non uso lo zucchero.
    Adoro la curcuma e quest’inverno sono riuscita a farmi molte zuppe varie e delle lenticchie con della curcuna fresca ma non avevo mai provato con del liquido: non bevo il latte ma posso provare con il latte di farro, o di miglio o di kamut e avena. Sono curiosa di provarlo e poi ti so dire.
    Buona giornata e grazie.
    Germana

    • Pubblicato 15 Maggio 2014 14:22 Dealma Franceschetti 0Likes

      La farina di mais per dolci è quella detta “fioretto”, una farina molto fine. Non so se quella da polenta è adatta. Come latte ho usato quello di soia, ma va bene qualsiasi latte vegetale. 🙂

  • Pubblicato 14 Maggio 2014 22:34 Max Volpi 0Likes

    Quando si dice: “cucinare con poco e fare piatti succulenti!” e poi adoro il latte con la curcuma. Brava!

  • Pubblicato 14 Maggio 2014 12:04 Gata da Plar Mony 0Likes

    ciao Dealma,
    non ho la farina di castagne ma ho quella di fioretto… dici che posso provarci? 🙂
    baci!

  • Pubblicato 14 Maggio 2014 10:51 Elena 0Likes

    Sembrano buonissimi, e ho giusto lì della farina di castagne che mi guarda da un pò…secondo te come capisco se è ancora utilizzabile?
    Grazie!

Lascia un commento