“Mangiare è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte.”
Francois de la Rochefoucauld

Le problematiche

Fa che il cibo sia la tua medicina e la tua medicina il tuo cibo.
Ippocrate

Il cibo è un potente strumento di cambiamento al servizio della nostra salute. Ogni alimento influenza profondamente il tuo corpo, perché verrà usato per costruire le tue cellule.

Il cibo può influenzare il corpo negativamente, rallentando o addirittura ostacolando le sue funzioni, oppure può influenzarlo positivamente, stimolando la sua naturale capacità di rigenerazione e di autoguarigione.

La macrobiotica può rappresentare un valido aiuto in numerosi problemi di salute, quali:

  • Mal di testa
  • Sovrappeso
  • Insonnia
  • Ansia e depressione
  • Allergie e intolleranze
  • Acne, eczemi, psoriasi
  • Difficoltà digestive
  • Stitichezza
  • Colite
  • Calcoli
  • Colesterolo
  • Diabete
  • Dolori articolari
  • Stanchezza cronica
  • Problemi di cuore e di circolazione
  • Disordini alimentari

Commenti

35 commenti
  1. Gentile Dealma,
    innanzi tutto grazie per tutti i consigli il blog e il minicorso.
    purtroppo però quando ricevo le mail con le vari link
    tipo “lo zenzero””il pediluvio”, “mangiare lentamente” ect ect e apro i link mi rimanda al sito principale senza speranza di trovare l’articolo
    come posso fare?
    pls fammi sapere, inoltre vorrei parlarti di un altro problema magari però next time
    grazie
    annalisa

  2. Ciao Daelma, grazie per la prima lezione del mini corso. Mi sono avvicinata seriamente al macrobiotico da qualche mese, ho cercato testi, sto seguendo un corso di cucina presso “un punto macrobiotico” della mia città … ma la tua lezione l’ho trovata semplice, cioè di facile comprensione, e molto diretta. Pertanto, credo che seguirti mi sarà di supporto per proseguire questo percorso 🙂 grazie

    • Bene, sono proprio contenta. Buono studio allora, teorico e pratico. Perchè come diceva Ohsawa: la teoria senza la pratica è inutile e la pratica senza la teoria è dannosa”. 🙂

  3. Ciao Dealma,
    hai una ricetta macrobiotica per preparare la torta di mandorle?

    Quesito:una persona che soffre di favismo può intraprende un’alimentazione macrobiotica o ci possono essere controindicazioni, visto l’utilizzo giornaliero di legumi?
    Mi farebbe molto piacere se tu rispondessi a questo mio quesito.
    Giovanna

    • Ciao Giovanna, non so quale torta hai in mente di preciso, ma potresti provare a usare come canovaccio questa torta di nocciole, sostituendo la farina di nocciole con la farina di mandorle, aggiungendo magari anche una o due cucchiaiate di crema di mandorle e poi mandorle intere. E’ da provare. 🙂 Per il favismo: credo non ci siano problemi, basta evitare fave e piselli. Con gli altri legumi di solito non ci sono problemi, ma non sono un’esperta di favismo ovviamente. Non è comunque indispensabile mangiarli proprio tutti i giorni, Potresti mangiarli a giorni alterni. Aggiungerei però che l’espressione genetica viene influenzata dall’ambiente, sopratutto dal cibo, quindi credo sia possibile non solo seguire uno stile macrobiotico anche se si ha il favismo, ma forse migliorare la situazione…magari abbassando il grado di severità. 🙂

      • Ciao Dealma, la torta di nocciole nella versione mandorle, vuole il cacao?

        • Dipende, viene bene sia con sia senza cacao. 🙂

  4. Ciao Delma, ho seguito anche io in streaming la tua macrolezione, interessante, anche se penso che dovremmo riccorrere di più alle spezie del nostro mediterraneo.

  5. Buongiorno
    Gentile Signorina Daelma mi dispiace farle presente che LEI si sbaglia quando afferma che il tè kukicha è privo di caffeina.
    Il tè kukicha non è privo di caffeina ma ha il più basso contenuto di caffeina tra i tè giapponesi.

    Mena

    • Buongiorno Mena, mi baso su quanto letto su decine di libri, ma ovviamente non posso avere certezze assolute.

  6. Salve Dealma, innnanzitutto grazie per condividere la tua passione e i tuoi consigli! ti chiedo velocemente una cosa: ma l’alimentazione macrobiotica può migliorare/risolvere anche l’endometriosi? seguendo i consigli di Berrino (conferenza per il gruppo AIE) da 7 mesi sto seguendo un’alimentazione vegana e intanto ho risolto altri problemini…ma il mio cruccio rimane…
    ti posso anche scrivere una mail, per spiegarti meglio?
    grazie infinite!
    un abbraccio
    G

    • Ciao Gessica, la macrobiotica porta equilibrio nel corpo, quindi è in grado, potenzialmente, di risolvere anche l’endometriosi, ma ci vuole tempo e perseveranza. Possono volerci anche 2-3 anni di alimentazione molto rigida, ma si può guarire. Scrivimi pure via mail quando vuoi.

  7. grazie! ci sentiamo presto!

  8. Ciao Dealma, ti scrivo perché pur conoscendo la macrobiotica e in particolare ‘il medico di sè stesso’ da qualche anno solo nell’ultimo mi ci sto avvicinando in maniera più rigida. Volevo chiederti un consiglio per affrontare un problema che mi accompagna da anni che è la difficoltà circolatoria nelle gambe, in particolare il micro circolo a livello delle caviglie che ormai è diventato pressoché cronico. Qual è il modo più concreto da utilizzare sia a livello alimentare che di terapia esterna?

    • Ciao Elena, ci sono tante cose da fare e per poterti aiutare seriamente avrei bisogno di conoscere a fondo la tua situazione attraverso la consulenza. Posso però darti comunque qualche consiglio generale da sperimentare. Evita i cibi che creano ristagno e indeboliscono il circolatorio: cibo animale, farine (anche integrali!), zuccheri raffinati, eccesso di crudo, frutta tropicale, caffè, alcol. Usa ogni giorno il riso integrale, le verdure a foglia verde e quelle tonde (cipolla e zucca ad esempio). Usa ogni giorno anche l’aga Nori, che è specifica per l’apparato circolatorio. Ti consiglio anche il pediluvio allo zenzero, che per le gambe gonfie e pesanti è un vero toccasana. E mi raccomando, l’attività fisica! Sperimenta e se avrai bisogno di me sarò felice di aiutarti. 🙂

  9. Cara Dealma,
    Innanzi tutto tanti complimenti per il sito/blog, molto interessante e ricco di informazioni utili e scoperto per caso.
    Sono una neofita dell’alimentazione…”alternativa” e quindi ho tutto da imparare. Intanto ho scaricato la prima lezione del tuo mini-corso e acquistato il tuo libro “L’Alimentazione Macrobiotica”. Spero solo di trovare del tempo per leggere/studiare tutto e del coraggio per cambiare…
    Ciò che mi ha indirizzato verso la conoscenza della Macrobiotica sono state la mia acne rosacea, oramai resistente a qualsiasi terapia tradizionale e apparentemente indifferente a qualsiasi tipologia di alimentazione, e alcune parole di un naturopata.
    Quali rimedi mi suggeriresti per questa patologia?
    Grazie mille
    Buona giornata
    Maura

    • Ciao Maura, quando c’è di mezzo la pelle bisogna sempre pensare a due cose: eliminazione e reni. La pelle è un organo di eliminazione secondario, quindi si attiva quando quelli primari sono in difficoltà (perchè indeboliti o perchè intasati) oppure quando il carico di eliminazione è eccessivo. La pelle è anche legata energeticamente ai reni, quindi bisogna sempre pesare a questi organi, che potrebbero essere indeboliti o intasati. Il primo lavoro da fare è sicuramente quello di pulire l’alimentazione da cibo animale (in particolare dai latticini), zuccheri raffinati, farine (anche se integrali!), caffè, alcool. E’ utile ridurre per un po’ di tempo l’olio, i semi oleosi (nocciole, mandorle, ecc.), il crudo (frutta e verdura) ed evitare la frutta tropicale e i succhi di frutta (anche gli estratti e i centrifugati). Ci sono poi rimedi specifici, che vanno però valutati in ogni singolo caso, e per far questo devo conoscere meglio la tua situazione. Comincia a sperimentare e se non risolvi puoi pensare alla consulenza. Considera che la pelle è un organo che cambia lentamente, quindi ci possono volere diversi mesi per vedere un cambiamento. Nel frattempo potrebbe presentarsi un piccolo peggiormaneto, dovuto all’aumento dell’eliminazione. Coraggio e se hai bisogno di me sono qui. 🙂

  10. ciao Dealma,
    ho scoperto da poco il tuo sito, lo trovo molto innovativo, mancava un sito come il tuo, fatto molto bene e competente, che porta una grande tradizione alla portata di tutti, grazie!
    ne approfitto per chiederti, quali cibi sono indicati per l’influenza intestinale? stiamo parlando di una bimba di 4 anni allergica.
    grazie per la tua cortese risposta
    ilaria

    • Ciao Ilaria, sono felice che il blog ti piaccia. 🙂 Dunque, solitamente per disturbi intestinali di questo tipo si usa il kuzu abbinato all’umeboshi, preparando la famosa bevanda di kuzu eumeboshi, che trovi qui. Nei bambini piccoli, fino ai 4-5 anni, si fa attenzione a non eccedere nel sale, quindi si usa poca prugna umeboshi, oppure si abbina il kuzu al malto. Con l’umeboshi però è più potente nel sistemare l’intestino. Direi di ridurre semplicemente la quantità di ume, anche se è già minima. Daglielo una o due volte al giorno finchè va meglio. Auguri di pronta guarigione alla piccola. 🙂

  11. Ciao Dealma,
    ho abbracciato la dieta macrobiotica da poco più di un anno, seguendo i dettami principali quali la zuppa di miso e il riso integrale ed eliminando quasi del tutto carni latticini zucchero ecc.. Ciò nonostante ho un problema che mi porto dietro: ho una leggera forma di psoriasi che mi provoca degli sfoghi cutanei nel cuoio capelluto e nel viso, con la formazione di macchie rossastre, di screpolature e, nel cuoio capelluto, di croste. Hai qualche suggerimento da darmi?
    Grazie

    • Ciao Alessandro, la pelle è un organo che cambia molto lentamente, quindi ci vuole pazienza. Inoltre è anche un organo di eliminazione secondario, quindi finchè il corpo ha ancora eccessi da eliminare, le pelle si attiva e compaiono sintomi vari. Nel tuo caso però direi che è necessario eliminare completamente i latticini. So che è difficile, ma sono i maggiori responsabili della psoriasi, insieme a zuccheri, farine ed eccesso di crudo. Questo a livello generale. Per poterti aiutare in modo più specifico ho bisogno di conoscere a fondo la tua situazione attraverso la consulenza. Comincia a sperimentare e se avrai bisogno di me sono qui. 🙂

  12. Buongiorno, mi sono avvicinata da poco alla macrobiotica e vorrei capire se esistono dei rimedi per la mia patologia, nefropatia autoimmune da iga e tiroidite di hascimoto (autoimmune anche questa).Grazie Dealma

    • Ciao Maria, il vero “rimedio” è un profondo cambio alimentare che permetta al tuo corpo di lavorare per “guarirsi” o per lo meno per stare meglio. Dal punto di vista della macrobiotica tutte le malattie autoimmuni indicano un grave squilibrio del sistema immunitario, che dopo anni di alimentazione scorretta, ha perso la capacità selettiva nel riconoscere i “buoni” dai “cattivi”. E’ necessario quindi fare un grosso lavoro di pulizia dell’alimentazione e creare uno stile alimentare pulito, semplice che riporti l’equilibrio dove era stato perduto. Considerata la tua situazione piuttosto seria mi sento di suggerirti la consulenza personalizzata in modo che io possa capire a fondo la tua situazione e consigliarti al meglio. 🙂

  13. Ciao Dealma,
    Mi sono avvicinata Alla macrobiotica da circa 2 mesi, per problemi di pelle e capelli che non mi danno tregua.
    Le ho provate tutte,ma non c’è nulla che riesca ad arrestare la mia caduta di capelli e la mia pelle secca (che si desquama) con brufoli.
    C’è qualcosa che mi puoi consigliare?

    • Ciao Giulia, innanzi tutto per risolvere i problemi della pelle bisogna avere pazienza. Due mesi non sono sufficienti, anzi, cambiando alimentazione si innescano i meccanismi di eliminazione e dato che la pelle è anche un organo di eliminazione, è addirittura probabile che i sintomi peggiorino per qualche giorno o settimana. Devi mettere in conto almeno 6 mesi di “pulizie”. Sia i problemi di pelle sia la caduta dei capelli sono collegati ad un indebolimento dei reni. Quindi bisognerebbe lavorare per ridare loro forza. Puoi cominciare a fare attenzione a ciò che li indebolisce: cibi freddi, bevande fredde, alcol, caffè, latticini, zuccheri, eccesso di crudo. E introdurre cibi che li aiutano: radici, alga kombu, fagioli azuki. Per darti dei rimedi specifici dovrei conoscere con precisione la tua situazione attraverso la consulenza, perchè occuparsi dei reni è una cosa un po’ “delicata” e bisogna considerare molti fattori. Pensaci. 🙂

  14. Gentile Dealma , le scrivo dopo un mese che ho iniziato a nutrirmi seguendo i suoi suggerimenti e ricette. Tutto è iniziato 1 mese fa quando sono andata a trovare la mia Cara Amica. Lei mi ha “Nutrita nel modo appreso da lei3 anni fa circa; e x me è cambiato tutto . Ho però da chiederle come faccio ad aiutare il mio bambino di 7 anni che ancora fa la pipì a letto di notte. I medici mi prospettano farmaci ,ma io non vorrei usarli….. ha dei suggerimenti? Grazie, Luana

    • Salve Luana, quando ci sono problemi specifici mi è difficile dare dei consigli precisi senza avere il quadro completo della situazione attraverso la consulenza personalizzata. Escludendo cause psicologiche, posso dirle, in linea generale, che questo tipo di problema può essere causato da un eccesso di energia yin, che indebolisce i reni. Cibi con energia yin molto forte: latticini, alcuni derivati della soia (latte, yogurt, gelato), zuccheri, succhi di frutta, estratti, bibite, frutta tropicale e semi- tropicale, farine raffinate. Cibi con energia yin moderata, ma che su alcune persone possono dare disturbi: frutta cruda, verdura cruda, olio crudo. Se pensa che il suo bimbo esageri con alcuni di questi cibi, può provare ad eliminarli per qualche settimana e vedere se va meglio, altrimenti bisogna approfondire, rivedere tutta l’alimentazione nel complesso e considerare anche i rimedi macrobiotici.

  15. Ciao sono Stefano .Sono particolarmente magro posso ingrassare con la macrobiotica e come? ti ringrazio Stefano

    • Ciao Stefano, si ci sono alcuni accorgimenti da applicare per mettere qualche chiletto. Ad esempio: riduci la frequenza del riso integrale e magari abbinalo ad un altro cereale per “smorzare” il suo potere dimagrante. Usa spesso i cereali che aiutano a “mettere massa” come il farro, l’orzo, l’avena. Anche il grano in effetti, ma lo userei meno. Usa spesso la pasta integrale, il cous cous e anche il pane, purchè sia però integrale e lievitato con pasta madre. Aumenta un pochino le quantità di olio in cottura e usa spesso le creme oleose come il tahin (ad esempio come in questa ricetta), la crema di mandorle e di nocciole. Usa spesso il tofu (sempre cotto!) e il tempeh. Bene anche i vari semi oleosi (nocciole, noci, ecc.). Bene anche semi di zucca, girasole, ecc. Riduci il consumo di alghe. E mastica tanto! 🙂
      Bisognerebbe anche cercare di capire se la magrezza è un fatto costituzionale, ereditario, se è dovuta a ipertiroidismo o ad una riduzione della forza assimilativa intestinale.

      • Grazie per i consigli e presto comunque ti ciederò una consulenza. ho visto che ne fai a milano, Mi puoi già dire delle date per marzo o aprile? Grazie ancora e spero di incontrarti al più presto!

        • Ciao Stefano, una data possibile è il 13 aprile. 🙂

  16. Ciao dealma, da diversi anni soffro di lingua a cartina geografica cHe va e viene e leucopenia idiopatica,non mangio latte e derivati e zucchero ,carne una volta alla settimana e bianca e pesce uguale,no ancHe al glutine, perché un omeopata mi disse.così,però dalla gastroscopia non risulta niente. CHe cibi posso assumere x la lingua? Sono molto ansiosa. Mio marito dice che è lo stress.

    • Ciao Sonia, è difficile per me consigliarti “al buio”, senza conoscere a fondo la tua situazione. Di solito qualche consiglio al volo riesco a darlo, ma in questo caso sono un po’ in difficoltà e mi sento di consigliarti la consulenza.

Scrivi un commento