Gli onigiri sono delle polpette di riso triangolari, tipiche della cucina giapponese, a base di riso, condite con ingredienti vari e spesso avvolti con alga nori.

Se siete stati bambini negli anni 80, le avete sicuramente viste divorare dai personaggi dei cartoni animati.

Io mi ricordo che mi chiedevo cosa fosse quella striscia nera….l’ho scoperto decenni dopo con la macrobiotica: era alga nori!

Possono essere un ottimo pranzo da portare al lavoro o a scuola, perchè si conservano bene anche fuori frigo per qualche ora.

Ottimi per gite, escursioni in montagna, pic-ninc, anche in spiaggia.

Si possono preparare in mille modi diversi in base ai propri gusti e alla propria fantasia.

Si possono modellare anche in forma più semplice, a pallina ad esempio, non per forza a triangolo.

Nella cucina giapponese di oggi si usa il riso brillato, ma un tempo c’era solo quello integrale.

Usiamolo anche noi! Per chi non è abituato all’integrale, può iniziare con il riso semi-integrale.

Dare una forma al riso, modellarlo, quindi lavorarlo con le mani, è una buona pratica, perchè trasmette energia al cibo, rendendolo ancora più “curativo”.

Ingredienti

Condimenti vari (idee da provare, vedi oltre):

Prepara sul piano di lavoro la pentola con il riso cotto (meglio se ancora tiepido), gli ingredienti per condirlo e una ciotolina d’acqua per tenere umide le mani.

Bagna il palmo delle mani con l’acqua e raccogli un paio di cucchiaiate di riso. Modella tra le mani un triangolo (oppure una pallina se il triangolo non viene bene) schiacciandolo un pochino.

Ora puoi decidere se e cosa inserire all’interno della polpetta. Tipicamente si inserisce la prugna umeboshi (che è salata) oppure del pesce, ma puoi fare davvero mille varianti. Puoi anche non farcirla, ma condirla solo all’esterno.

Volendo si può anche mescolare il riso a qualche ingrediente, prima di formare la polpetta. Ad esempio io ho provato con del cipollotto tritato. Puoi sperimentare mille possibilità.

Ecco qualche idea:

Con umeboshi: Forma un buchino nella polpetta e inserisci una prugna umeboshi, oppure mezza prugna (oppure un po’ di purea di umeboshi), poi richiudi la polpetta a triangolo e se vuoi, decora con semi di sesamo (chiari o neri o entrambi). L’umeboshi è una prugna salata fermentata, quindi serve a salare la polpetta.

Con gomasio: forma la polpetta e aggiungi il gomasio all’esterno (il gomasio è un condimento salato, quindi serve a salarla).

Con cipollotto: trita la parte verde di un cipollotto e aggiungila ad una parte di riso, in una ciotola. Mescola bene per distribuire bene il cipollotto e poi forma la polpetta. Aggiungi all’esterno il gomasio per salare.

Con trito speciale: trita a coltello delle nocciole e un pizzico di cumino. Aggiungi un po’ di gomasio e mescola bene. Forma la polpetta e aggiungi questo trito all’esterno, per salare e insaporire.

Puoi anche mescolare tutte queste varianti ovviamente. Ad esempio, l’ultima polpetta della foto è quella con il cipollotto tritato, a cui ho aggiunto all’esterno il trito speciale con nocciole, cumino e gomasio.

Nella prima polpetta della foto ho aggiunto anche la tipica strisciolina di alga nori che vediamo nei cartoni animati giapponesi. 🙂

Insomma, puoi scatenare la fantasia!

Se non riesci a trovare nei negozi un buon riso integrale bio, oppure la prugna umeboshi o l’alga nori o il gomasio, puoi acquistarli qui:

Riso Integrale Rosa Marchetti
Rosa Marchetti è un’antica varietà di Riso

Voto medio su 58 recensioni: Da non perdere


Umeboshi Bio - Prugne Salate
Prugne salate biologiche con foglie di Shiso

Voto medio su 72 recensioni: Da non perdere


Nori in Fogli - Alghe Marine Essiccate

Voto medio su 10 recensioni: Da non perdere


Semi di Sesamo Nero Senza Glutine Bio

Voto medio su 35 recensioni: Da non perdere


Semi di Sesamo Biologici
Fonte di fibre e proteine

Voto medio su 194 recensioni: Da non perdere


Gomasio Bio
Condimento biologico da tavola a base di sesamo

Voto medio su 62 recensioni: Da non perdere


Semi Interi di Cumino
Per pane, pasta, arrosti e prodotti da forno

Voto medio su 35 recensioni: Da non perdere

Diventa anche tu mio Apprendista!

Con il libro o con il Video Corso!

Ti aspettano tante ricette e tanti altri trucchetti pratici per cucinare velocemente piatti sani e golosi.

Se acquisti il libro su Macrolibrarsi ricevi in omaggio il mio ebook “Pronto soccorso macrobiotico”

L'Apprendista Macrobiotico
Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina Macrobiotica Vegana

Voto medio su 62 recensioni: Da non perdere

€ 9,80

E se ami i dolci naturali, golosi, ma sani, è uscito “Dolci buoni e sani”.

Dolci Buoni e Sani
Felicemente golosi senza dipendenza – Senza zuccheri raffinati, latticini e uova
€ 23,50

7 Comments

  • Pubblicato 28 Aprile 2021 10:17 Elena Cardani 0Likes

    Dealma scusa, la foglia di alga nori, prima di avvolgerla intorno al riso, va inumidita? Con acqua/olio? Mi spiegheresti bene la procedura?

    • Pubblicato 28 Aprile 2021 10:33 Dealma Franceschetti 0Likes

      Non va inumidita, si mette direttamente. Diventa morbida stando a contatto con il riso. Infatti c’è chi la mette subito prima di mangiare la polpetta, in modo che resti croccante. E’ questione di gusti, ma anche di comodità. Finchè resta croccante è comoda da usare per prendere la polpetta, mentre quando si inumidisce, diventa più scomoda.

      • Pubblicato 29 Aprile 2021 09:17 Elena Cardani 0Likes

        Bene, ho capito, grazie mille!

  • Pubblicato 26 Aprile 2021 18:26 Nadia Banzola 0Likes

    Non capisco se il riso va mescolato con qualche ingrediente.
    Scusa ma non mi è molto chiara la ricetta
    Grazie

    • Pubblicato 27 Aprile 2021 08:51 Dealma Franceschetti 0Likes

      Dipende, puoi lasciarlo così o mescolarlo con degli ingredienti. Se leggi tutta la ricetta, trovi le istruzioni delle varianti.

  • Pubblicato 26 Aprile 2021 18:20 Nadia 0Likes

    Non capisco se bisogna avvolgerli con alga nori
    Grazie

    • Pubblicato 27 Aprile 2021 08:50 Dealma Franceschetti 0Likes

      L’alga nori è una delle possibili varianti. Per chi vuole si può usare come vedi nella foto (la prima polpetta), ma c’è chi ne prende un pezzo più grande e avvolge tutta la polpetta al momento di mangiarla.

Lascia un commento