Ho raccolto nell’orto e nel giardino della borragine, della rucola, della piantaggine, del tarassaco e della melissa e ho provato a farne una torta salata.

Ovviamente si può fare anche con altri tipi di erbe oppure con un mix di erbe e verdure (cipolle, carote, porri, ecc. come questa ad esempio), oppure con spinaci o biete.

Insomma, si può fare con quello che avete in casa o che trovate in giardino o dopo una passeggiata in campagna.

Ho fatto una torta piccolina, proprio per fare un esperimento.

Per la base:

Per la farcitura:

  • 50 g di borragine
  • 30 g di erbe di campo o spinaci o biete
  • 180 g di tofu
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1 cucchiaio di salsa di soia (shoyu o tamari) o sale q.b.
  • 1 cucchiaino di acidulato di umeboshi
  • 1 spicchio di aglio

Mescola la farina con il sale, aggiungi l’olio e poco alla volta un po’ d’acqua mescolando bene.

Cerca di ottenere un impasto morbido, ma sodo, da impastare con le mani.

Forma una palla e “lanciala” sul piano di lavoro o comunque lasciala cadere, in modo che diventi più elastica.

Ripeti due o tre volte e impasta ancora.

Stendila tra due fogli di carta da forno con un mattarello.

Disponila in una tortiera rivestita con carta forno e bucherella il fondo con una forchetta.

Io ho usato una tortiera di 24 cm di diametro.

Inforna a 170° per 10 minuti.

Nel frattempo lava le erbe.

Passa in padella la borragine con un filo di olio e l’aglio.

Quando è appassita trasferiscila in un frullatore.

Aggiungi le altre erbe: io ho aggiunto 4-5 foglie di piantaggine, 4-5 foglie di tarassaco, 2 foglioline di melissa e 3-4 foglie di rucola.

Aggiungi l’olio, la salsa di soia, l’acidulato di umeboshi e il tofu a pezzetti.

Al posto di salsa di soia e acidulato di umeboshi puoi usare il sale.

Frulla bene per ottenere una crema.

Passati i 10 minuti estrai la teglia dal forno e versa il composto di erbe e tofu.

Stendilo in maniera uniforme e inforna a 170 gradi per circa 20 minuti.

Eccola qui:

Servi a piacere fredda o tiepida.

Si conserva in frigo un paio di giorni.

Se hai difficoltà a trovare nei negozi gli ingredienti particolari che ho usato, puoi acquistarli online:

Farina di Farro Monococco Semi-integrale Biologica

Voto medio su 22 recensioni: Da non perdere

Farina di Grano Tenero di Tipo 2
Grano coltivato in Italia e macinato a pietra

Voto medio su 8 recensioni: Da non perdere

Farina Integrale di Farro Monococco Italiana
Macinata a pietra

Voto medio su 13 recensioni: Da non perdere

Acidulato di Umeboshi
Condimento a base di “Prugne di Umeboshi”

Voto medio su 550 recensioni: Da non perdere

Shoyu - Salsa di Soia
Disponibile in confezione da 250 ml 500 ml e 1000 ml

Voto medio su 283 recensioni: Da non perdere

Tamari - Salsa di Soia
25% di sale in meno

Voto medio su 60 recensioni: Da non perdere

Hai bisogno di un aiuto per iniziare?

Se hai bisogno di un guida per iniziare il viaggio sulla via macrobiotica oppure hai dei problemi di salute per cui è necessario personalizzare l’alimentazione, c’è la consulenza personalizzata:

E’ uscita la nuova edizione dell’Apprendista macrobiotico!

Con 3 nuovi capitoli, nuove ricette, ricette aggiornate e nuove foto.

Lo trovi qui a questa pagina.

L'Apprendista Macrobiotico
Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina macrobiotica vegana

Voto medio su 97 recensioni: Da non perdere

Se acquisti il libro su Macrolibrarsi ricevi in omaggio il mio ebook “Pronto soccorso macrobiotico”.

E se hai bisogno della versione video, a questa pagina trovi il video corso L’apprendista macrobiotico, nato dalla prima edizione del libro.

Ti aspettano tante ricette e tanti altri trucchetti pratici per cucinare velocemente piatti sani e golosi.

E se ami i dolci naturali, golosi, ma sani, è uscito “Dolci buoni e sani”.

Dolci Buoni e Sani
Felicemente golosi senza dipendenza

Voto medio su 60 recensioni: Da non perdere

Perché ho scelto di NON inserire annunci pubblicitari nel blog:

Avrai forse notato che nel mio blog non ci sono annunci pubblicitari.

E’ una precisa scelta, perchè quel tipo di annunci è generico e automatico, quindi non mi permette di scegliere quali aziende valorizzare e quali no.

In questi anni ho ricevuto moltissime richieste da parte di aziende pubblicitarie per inserire annunci, ma ho sempre rifiutato, rinunciando a un certo introito.

Il mio blog nasce per divulgare un messaggio ben preciso e una “cultura” alimentare ben precisa, anche etica, nei confronti degli animali, del pianeta e dei lavoratori.

Così, per cercare di sostenere le spese del blog e il lavoro che richiede, ho scelto la partnership con Macrolibrarsi perchè mi permette di scegliere quali aziende e prodotti far conoscere, che sono quelli che uso io in prima persona.

Ma non solo, condivido anche i valori, gli ideali e le scelte di Macrolibrarsi come azienda.

Quindi, se acquisti su Macrolibrarsi tramite i link che inserisco nelle ricette e negli articoli del blog, mi aiuti a sostenere tutto il lavoro del blog, le sue spese e il lavoro che richiede, perchè tramite questi link ricevo una piccola provvigione.

Grazie se vorrai sostenere il mio lavoro e un’azienda speciale come Macrolibrarsi.


Lascia un commento