“Mangiare è una necessità, mangiare intelligentemente è un’arte.”
Francois de la Rochefoucauld

Crema di amaranto e peperoni

Crema di peperoni e amaranto

L’amaranto è un simil-cereale particolarmente adatto all’estate.

Non fa parte della famiglia dei cereali, quindi delle graminacee, ma delle Amarantacee, però viene chiamato “cereale” perchè  ha un quadro nutrizionale simile. E’ privo di glutine, ricco di sali minerali, fibre e fitosteroli, sostanze che abbassano il colesterolo.

Molti non lo usano perchè non sanno come cucinarlo, per via dei suoi granellini così piccoli. Ma basta provare qualche volta per accorgersi che è facile, veloce (non richiede ammollo e cuoce in 15 minuti) e anche buono!

E’ adatto soprattutto per crocchette, sformati oppure per sperimentare una crema come ho fatto io.

Ingredienti

  • 150 g di amaranto
  • 1 peperone grande
  • 1 cuchiaio di olio extravergine d’oliva
  • 2 cucchiai di salsa di soia
  • basilico
  • 1 presa di sale marino integrale
  • semi di papavero

Trasferisci l’amaranto in un pentolino e aggiungi il sale e il doppio del volume di acqua (circa 400 ml).

150 g di amaranto corrispondono a circa 1 bicchiere scarso, quindi aggiungi 2 bicchieri d’acqua.

Porta a bollore e cuoci semi coperto per 15 minuti.

Nel frattempo taglia il peperone e stufalo in padella con l’olio, la salsa di soia e poca acqua.

Quando è cotto aggiungi il basilico e frulla bene per ottenere una crema.

Quando l’amaranto è cotto, spegni e lascialo riposare 5-10 minuti.

Alla fine mescola l’amaranto con la crema di peperoni. A me piace sentire i granelli dei semi dell’amaranto, ma se preferisci una crema liscia ed omogenea, puoi frullare bene tutto quanto.

Servi con una fogliolina di basilico oppure con qualche pezzetto di peperone stufato che non hai frullato e magari con qualche semino di papavero.

E se hai bisogno di aiuto e video ricette….ecco il video corso L’apprendista macrobiotico!

Ti ricordo che la promozione dello streaming ad un prezzo speciale scade il 29 luglio.

banner-appredista-bottom-ricette (1)

 

Se hai difficoltà a trovare l’amaranto nei negozi, puoi acquistarlo online:

Amaranto

Voto medio su 61 recensioni: Da non perdere

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

12 commenti
  1. Non vedo l’ora di provarla, i peperoni sono in frigo e l’amaranto nella dispensa, mi piacciono tantissimo il sapore e la consistenza dell’amaranto, domani provo la ricetta e ti faccio sapere!

  2. Ciao Dealma,
    Ricetta interessante! Lo scorso inverno ho provato a cucinarlo in modo diverso ed è venuto un disastro 😀 perciò l’avevo accantonato, ma adesso mi hai fatto venire voglia di riutilizzarlo! I peperoni, le melanzane ed i pomodori non sono contraindicati dalla macrobiotica per la presenza degli alcaloidi?
    Grazie

    • Ciao Elisa, le solanacee sono un problema solo se usate troppo spesso, fuori stagione oppure quando ci sono problemi di salute. Per il resto, basta davvero non esagerare. 🙂

  3. Ciao Dealma, l’amaranto va lavato prima?

    • L’amaranto ha dei chicchi così piccoli che non è semplice lavarlo, però se hai un colino a maglie strette puoi farlo, è sicuramente meglio. Altrimenti pazienza. Il lavaggio dei cereali serve a togliere un po’ di polvere eventuale.

  4. Grazie Dealma per questa ricetta, decisamente estiva e gustosa. Sarà anche più leggero e curativo del miglio?
    Un abbraccio e buon bagno in un mare blu.
    Beatrice

    • Ciao Beatrice, è molto leggero l’amaranto, però curativo come il miglio….c’è solo il riso. 🙂

  5. grazie!!
    avevo in casa tutto quello che serviva per fare questa ricetta, è venuta benissimo grazie ancora

  6. Ciao Dealma,
    anche se i peperoni non sono di stagione, ho provato questa ricetta l’altra sera in quanto mia mamma li aveva comprati e le stavano andando a male.
    Una delizia!! Oggi la riproporrò a pranzo a una mia amica sperando abbia successo anche con lei!
    Buona giornata
    Arianna

    • Bene, sono contenta! Non preoccuparti per la stagionalità, ogni tanto si può fare uno strappo alla regola….ogni tanto! 😉

Scrivi un commento