I funghi shitake si trovano solitamente secchi. Alcuni negozi iniziano ad averli freschi e sono davvero una bontà.

Ho avuto la fortuna di ricevere in regalo da Laura del ristorante Ravanello di Pavia, questi shitake freschi, coltivati dall’orto botanico di Pavia.

L’università di Pavia li sta studiando per via dei loro numerosi effetti benefici.

Secondo la macrobiotica abbassano il colesterolo, regolarizzano la pressione, potenziano il sistema immunitario, rilassano, aiutano il fegato e favoriscono l’eliminazione dei grassi del sale accumulati dopo anni di cibo animale.

Sono quindi preziosissimi! Se ne usa uno a persona. Quelli secchi vanno prima ammollati. Si usano ovunque, nelle zuppe, nelle padellate di verdure o come ho fatto io oggi. 🙂

Ingredienti

Per 2 persone:

  • 200 g di funghi shitake freschi
  • 1 porro
  • 1 cucchiaio di olio e.v.o. o di sesamo
  • 1-2 cucchiai di salsa di soia oppure 1 presa di sale marino integrale
  • semi di papavero

I funghi shitake crescono sugli alberi quindi non è necessario lavarli per togliere la terra.

Taglia i funghi a fettine. Pulisci il porro e taglialo a rondelle.

Metti l’olio in padella a scaldare. Trasferisci funghi e porri e lascia rosolare qualche minuto.

Aggiungi un po’ d’acqua e fai stufare coperto per circa 10-15 minuti.

A fine cottura aggiungi la salsa di soia e cuoci ancora un minuto.

Se ti piacciono puoi aggiungere dei semi di papavero.

Puoi utilizzare questo piatto come contorno di verdure, ma anche per condire un cereale in chicco.

Mappa dei funghi shitake freschi

Mi state scrivendo in tanti per comunicare dove trovate i funghi freschi, ecco qui l’elenco per ora:

  • “SaporeBio” di Arezzo
  • Store di Macrolibrarsi a Cesena, Via Emilia Ponente, 1705
  • “Naturasì” di bologna,  via della repubblica
  • “NaturaSi” di ponte san nicolò (PD)
  • “Biologicamente”, via Nizzeti, Tremestieri Etneo (Ct)
  • “Centro Botanico”, via Cesare Correnti a Milano
  • “Naturalia” di Bolzano (Via Brennero, 30)
  • “Biobottega” di corso Turati a Torino
  • “Sanremo Bio” a Sanremo
  • “Naturasì” di Gallarate (Mi)
  • Mercato contadino di Mantova, tutti i sabato mattina
  • Biobottega di Rivoli (Torino)
  • Naturasi di Pavia (in alcuni periodi)
  • Bio Brothers di Sedico (BL)
  • NaturaSi di Mondovì (CN)
  • NaturaSì di Udine
  • Euro verde bio di Carugate vicino al Carosello centro commerciale

Coltivarli in casa

Per chi volesse cimentarsi, è possibile acquistare un substrato speciale già pronto per coltivare gli shitake in casa.

Bisogna solo innaffiare. Lo proverò e vi farò sapere come è andata.

Se non trovi gli shitake freschi puoi ordinare quelli secchi online:
Funghi Shitake Secchi
Shiitake, il fungo medicinale che regola gli ormoni

Voto medio su 19 recensioni: Buono

€ 5.87

Diventa anche tu un mio Apprendista!

Con il libro appena uscito o con il Video Corso!

Ti aspettano tante ricette e tanti altri trucchetti pratici per cucinare velocemente piatti sani e golosi. 🙂

Se acquisti il libro su Macrolibrarsi ricevi in omaggio il mio ebook “Pronto soccorso macrobiotico”:

L'Apprendista Macrobiotico
Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina Macrobiotica Vegana

Voto medio su 13 recensioni: Da non perdere

€ 9.8

33 Comments

  • Pubblicato 2 Gennaio 2017 23:11 michela 0Likes

    Grazie mille Dealma

  • Pubblicato 29 Dicembre 2016 14:15 michela 0Likes

    Ciao DEalma, volevo chiederti a che punto della ricetta mettere la salsa di soia. Grazie

    • Pubblicato 2 Gennaio 2017 11:29 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Michela, hai ragione, l’ho dimenticato, ora lo aggiungo. Si mette alla fine, negli ultimi minuti di cottura. 🙂

  • Pubblicato 28 Novembre 2016 13:47 marisa 0Likes

    Io li ho trovati freschi all euro verde bio di Carugate vicino al Carosello centro commerciale

  • Pubblicato 25 Novembre 2016 12:15 Luisa 0Likes

    Ciao Dealma, li ho trovati al NaturaSì di Udine!
    Quindi se sono secchi se ne mangia uno a testa, se sono freschi si può “esagerare”?
    Ho trovato anche il sale integrale siciliano ricavato dalla roccia, normalmente prendo quello di Mothia; mi puoi spiegare la differenza tra i due?
    Grazie e buona giornata

    • Pubblicato 27 Novembre 2016 09:30 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Luisa, grazie della segnalazione! Che io sappia se ne usa comunque uno a persona indipendentemente che siano freschi o secchi. Ma non perchè non bisogna esagerare, ma perchè sono talmetne potenti che ne basta uno per beneficiare delle proprietà. Quindi se ne mangi di più perchè sono tanto buoni va bene, non fanno male. Non ho mai sentito parlare del sale siciliano estratto dalla roccia, quindi non so darti spiegazioni. Consiglio comunque di usare quello marino e il Mothia è ottimo. 🙂

  • Pubblicato 19 Novembre 2016 06:06 Stefania 0Likes

    Ciao Dealma,
    li trovi spessissimo al Natura Si di Mondovì (CN).
    Oggi li provo con la tua ricetta!
    Grazie per tutte le informazioni che ci metti a disposizione.

  • Pubblicato 12 Novembre 2016 11:25 Ilenia 0Likes

    Ciao Dealma da natura si a volte si trovano quelli freschi xo io non essendo di Ragusa non ci posso andare spesso…cmq fatta qst ricetta ottima condita col riso integrale allo stesso tempo ho optato per1buin primo in famiglia è stato apprezzato da tutti!grazie

  • Pubblicato 12 Novembre 2016 11:10 Debbee 0Likes

    Ho appena comprato il kit per coltivare i shitake in casa!!! Nello stesso sito ioboscovivo (sono a Vergiate, tra Varese e Gallarate) si possono acquistare anche i funghi freschi

  • Pubblicato 10 Novembre 2016 21:07 Elisabetta 0Likes

    Ciao Dealma, ci sono anche al naturasi di Pavia, in diversi periodi dell’anno, però non proprio sempre. Con il porro è difficile però mangiarne uno solo, è un problema se ne mangi di più? grazie mille

  • Pubblicato 10 Novembre 2016 09:18 Annalisa 0Likes

    Io li trovo al mercato contadino di Mantova, tutti i sabato mattina!

  • Pubblicato 9 Novembre 2016 16:43 Silvia 0Likes

    Ciao Dealma ,
    li ho trovati a Sanremo Bio a Sanremo!

  • Pubblicato 9 Novembre 2016 15:47 Cristian 0Likes

    Disponibili alla Biobottega di corso Turati a Torino!

  • Pubblicato 9 Novembre 2016 14:53 Eleonora 0Likes

    Ciao Dealma,
    ricetta sicuramente da provare! Finora non ho ancora provato gli shitake freschi, finora li ho sempre presi secchi e già li adoro e li uso nelle zuppe di miso.

    Gli shitake freschi, ho visto che talvolta li vendono al “Naturalia” di Bolzano (Via Brennero, 30)

  • Pubblicato 9 Novembre 2016 13:35 Valeria 0Likes

    Ciao Dealma, mi dai sempre tanti spunti interessanti, grazie.
    Io li ho trovati al Centro Botanico in via Cesare Correnti a Milano.
    Ma ne approfitto per chiederti, esiste una stagionalità sugli Shitake freschi? Perchè mi è capitato un paio di volte di cucinarli e trovarli con poco sapore.
    Grazie

    • Pubblicato 9 Novembre 2016 17:14 Dealma Franceschetti 0Likes

      Grazie della segnalazione Valeria. Sai che non so bene risponderti sulla stagionalità? Perchè essendo coltivati, immagino che ci siano tutto l’anno. Bisogna fare ricerche sul web. 🙂

  • Pubblicato 9 Novembre 2016 11:57 Tiziana 0Likes

    Ciao cara Dealma,
    Shiitake buonissimi trovati oggi al
    “Biologicamente”, via Nizzeti, Tremestieri Etneo (Ct).

  • Pubblicato 9 Novembre 2016 10:03 Laura 0Likes

    Io li ho trovati freschi al naturaSi di ponte san nicolò (PD) ma devo ancora provarli. Inizierò con questa ricetta grazie!! 🙂

  • Pubblicato 9 Novembre 2016 09:51 corrada 0Likes

    Ciao Dealma, io li trovo spesso freschi al naturasì di bologna, in via della repubblica. Li ho comprati qualche giorno fa.
    Sono squisiti anche abbinati al cavolo nero come condimento per il riso integrale, conditi con gomasio.

  • Pubblicato 9 Novembre 2016 09:23 Marité 0Likes

    Ciao Dealma. Si, questi funghi sono sauisiti, e ora capisco anche il perché… probabilmente il fatto di non crescere sul terriccio gli concede questo intenso ma gentile… avrei solo una domanda da farti: questi funghi freschi arrivano dal giappone o sono di origine europea… ?? Grazie

    • Pubblicato 9 Novembre 2016 17:09 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Maritè, in commercio troviamo sia quelli giapponesi sia quelli spagnoli. Devi solo leggere sull’etichetta la provenienza. 🙂

Lascia un commento