Questa è la classica ricetta per riutilizzare la polenta avanzata del giorno prima.

Quando avanza la metto in un contenitore livellata bene, per poter tagliarla a fette o a cubetti il giorno successivo.

Ci sono mille possibilità, questa volta ho provato ad unirla ad un pesto di cavolo e io stessa sono rimasta stupita di quanto era buona!

Il “pesto” si può fare in  tanti modi.

Ho usato il cavolo kale, detto anche cavolo riccio, perchè ha un sapore molto delicato, che mi piace moltissimo, ma puoi usare il cavolo nero, se non trovi il kale o utilizzare altre foglie verdi come questo pesto con le barbe del finocchio oppure questo con le cime di rapa oppure questo che è un mix di foglie verdi che avevo nell’orto.

Se non lo hai mai visto, il cavolo kale è questo:

Ingredienti

Per il pesto:

  • 3-4 foglie di cavolo kale
  • una manciatina di mandorle (circa 15 g)
  • una manciatina di anacardi o noci (circa 25 g)
  • 2 cucchiai di shoyu o tamari (salsa di soia)
  • 2 cucchiai di olio evo
  • acqua q.b.

Pulisci il cavolo e togli la costa centrale.

Metti le foglie in un mixer (o in un bicchiere per frullare ad immersione) e aggiungi le mandorle, gli anacardi, la salsa di soia, l’olio e un cucchiaio di acqua.

Frulla e valuta se aggiungere ancora un po’ di acqua.

Taglia la polenta a cubetti e falla saltare in padella con un filo di olio e un goccino di acqua.

Aggiungi il pesto, mescola bene ed è pronto!

Se non riesci a trovare nei negozi la polenta taragna precotta o una polenta integrale o la salsa di soia, puoi ordinarli qui:

Polenta Taragna Express, Senza Glutine
Con mais italiano e grano saraceno, pronta in 5 minuti

Voto medio su 48 recensioni: Da non perdere

Polenta Istantanea Integrale Bio - Farina di Mais Integrale
Con farina di mais integrale precotto

Voto medio su 219 recensioni: Da non perdere

Shoyu - Salsa di Soia
Preparato con i migliori metodi tradizionali soia, grano e sale marino (fermentati 18 mesi in barili di legno)

Voto medio su 245 recensioni: Da non perdere

Tamari - Salsa di Soia
25% di sale in meno

Voto medio su 52 recensioni: Da non perdere

€ 12,29
HAI BISOGNO DI UN AIUTO PER INIZIARE?
HAI QUALCHE DISTURBO CHE VUOI PROVARE A MIGLIORARE CON LA MACROBIOTICA?

E’ uscita la nuova edizione dell’Apprendista macrobiotico!

Con 3 nuovi capitoli, nuove ricette, ricette aggiornate e nuove foto.

Lo trovi qui a questa pagina.

L'Apprendista Macrobiotico
Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina macrobiotica vegana

Voto medio su 97 recensioni: Da non perdere

Se acquisti il libro su Macrolibrarsi ricevi in omaggio il mio ebook “Pronto soccorso macrobiotico”.

E se hai bisogno della versione video, a questa pagina trovi il video corso L’apprendista macrobiotico, nato dalla prima edizione del libro.

Ti aspettano tante ricette e tanti altri trucchetti pratici per cucinare velocemente piatti sani e golosi.

E se ami i dolci naturali, golosi, ma sani, è uscito “Dolci buoni e sani”.

Dolci Buoni e Sani
Felicemente golosi senza dipendenza

Voto medio su 60 recensioni: Da non perdere

 

Perché ho scelto di NON inserire annunci pubblicitari nel blog:

Avrai forse notato che nel mio blog non ci sono annunci pubblicitari.

E’ una precisa scelta, perchè quel tipo di annunci è generico e automatico, quindi non mi permette di scegliere quali aziende valorizzare e quali no.

In questi anni ho ricevuto moltissime richieste da parte di aziende pubblicitarie per inserire annunci, ma ho sempre rifiutato, rinunciando a un certo introito.

Il mio blog nasce per divulgare un messaggio ben preciso e una “cultura” alimentare ben precisa, anche etica, nei confronti degli animali, del pianeta e dei lavoratori.

Così, per cercare di sostenere le spese del blog e il lavoro che richiede, ho scelto la partnership con Macrolibrarsi perchè mi permette di scegliere quali aziende e prodotti far conoscere, che sono quelli che uso io in prima persona.

Ma non solo, condivido anche i valori, gli ideali e le scelte di Macrolibrarsi come azienda.

Quindi, se acquisti su Macrolibrarsi tramite i link che inserisco nelle ricette e negli articoli del blog, mi aiuti a sostenere tutto il lavoro del blog, le sue spese e il lavoro che richiede, perchè tramite questi link ricevo una piccola provvigione.

Grazie se vorrai sostenere il mio lavoro e un’azienda speciale come Macrolibrarsi.

4 Comments

  • Pubblicato 21 Gennaio 2024 00:46 BarbaraB81 0Likes

    Pure bella l’idea degli gnocchi sopra, così non si frigge ma si dà una sbollentata fino a quando vengono su a galla. Non conosco questo cavolo, mai visto. La foglia è croccante come quella del cavolo nero molto diffuso invece dalle mie parti o è morbida? Per capire se posso sostituirlo con le foglie consistenti del cavolo nero o con le foglie più sottili per esempio del cavolo rapa? Non ho fatto mai un pesto con foglie crude, a parte quello di basilico . Grazie Dealma!

    • Pubblicato 22 Gennaio 2024 08:04 Dealma Franceschetti 0Likes

      CIao Barbara, la foglia del cavolo riccio è un pochino più morbida di quella del cavolo nero e con un sapore più delicato. Provalo! 🙂

  • Pubblicato 17 Gennaio 2024 10:02 Maria Onofri 0Likes

    Quando mi capita che avanzi della polenta la impasto sulla spianatoia con un po’ di farina di grano saraceno o anche farro e ci faccio gli gnocchi. Vengono perfetti e buonissimi. A quel punto posso essere conditi a piacimento.

Lascia un commento