Se  c’è qualcosa che mi mette di buon umore in un attimo è inventare dolci. 🙂

Avevo voglia di provare una torta dolcificata alla maniera del Prof. Berrino, quindi solo con la frutta fresca e disidratata…niente malto o altri dolcificanti naturali.

Il prof. Berrino usa spesso i datteri per dolcificare perchè hanno un indice glicemico relativamente basso e alcalinizzano.

C’è da dire che sono tropicali, ma usandoli solo ogni tanto e magari non durante l’inverno…

Ho voluto evitare di aggiungere altri  grassi oltre all’olio delle nocciole e al grasso del latte di soia, quindi è anche una torta leggera.

Perfetta come colazione oppure come merenda da portare a scuola o in ufficio. 🙂

Ingredienti

  • 2 pere mature
  • 200 g di farina tipo 2
  • 100 g di nocciole da ridurre in farina
  • 10 g di lievito naturale (circa mezza bustina)
  • 100 g di datteri
  • 400-500 ml di latte di soia o latte vegetale non dolcificato
  • 1 pizzico di sale marino integrale
  • 1 cucchiaino di malto di riso
  • 1 manciata di nocciole

Trita le nocciole fino a ridurle in farina.

Mescola la farina di nocciole alla farina tipo 2 (è una farina semi integrale).

Aggiungi il lievito, il sale e mescola bene.

Frulla i datteri con un po’ di latte vegetale e pian piano aggiungi in totale circa 400 ml di latte.

Aggiungi il frullato ottenuto alle farine e mescola bene. Se necessario aggiungi gli ultimi 100 ml di latte.

Il composto deve risultare molto fluido. La quantità di liquido dipende dall’assorbimento da parte della farina e ogni farina è diversa, quindi bisogna regolarsi un po’ ad occhio.

Sbuccia e pulisci le pere e tagliale a cubetti. Aggiungi le pere all’impasto , mescola e versa in una teglia con carta forno. Io ho usato una teglia rotonda da 30 cm di diametro.

Inforna a 170° per circa 40 minuti (ma ogni forno è diverso! Io ho un forno a gas)

Sforna e lascia intiepidire. Mescola il cucchiaino di malto con un goccino d’acqua e spennella la superficie della torta.

Taglia a coltello la manciata di nocciole e distribuiscile sulla torta. Il malto serve per far appiccicare le nocciole alla superficie, ma puoi aggiungerle anche senza malto. 🙂

Lascia raffreddare bene prima di servire.

Se sei già abituato ai dolci senza zucchero, puoi anche ridurre la quantità di datteri, che qui servono da dolcificante.

Se non riesci a trovare nei negozi la farina tipo 2, il latte vegetale non dolcificato o il lievito naturale, puoi acquistarli qui:


Farina di Grano Tenero tipo 2
Da agricoltura Biodinamica per preparare pizza, pane, torte, pasta sfoglia, biscotti e focacce.

Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere

€ 2.8


Soya Natural - Bevanda di Soia
Biologico – Senza zuccheri aggiunti

Voto medio su 143 recensioni: Da non perdere

€ 2.35

Diventa anche tu un mio Apprendista!

Con il libro o con il Video Corso!

Ti aspettano tante ricette e tanti altri trucchetti pratici per cucinare velocemente piatti sani e golosi. 🙂

Se acquisti il libro su Macrolibrarsi ricevi in omaggio il mio ebook “Pronto soccorso macrobiotico”:

L'Apprendista Macrobiotico
Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina Macrobiotica Vegana

Voto medio su 48 recensioni: Da non perdere

€ 9.8

11 Comments

  • Pubblicato 29 Settembre 2019 11:41 Mara 0Likes

    Ciao Dealma. Siccome non avevo i datteri ho dolcificato con 70 g di malto di riso. Buonissima. I figli l’anno divorata. Ne ho fatta un”altra versione con mandorle e mirtilli al posto di nocciole e pere. Anche questa buonissima!! Grazie per le ricette e per tutto l’impegno.

    • Pubblicato 2 Ottobre 2019 09:54 Dealma Franceschetti 0Likes

      Chissà che buona quella con i mirtilli, brava! Sono felice che sia piaciuta anche ai tuoi figli. 🙂

  • Pubblicato 13 Aprile 2018 21:17 Benedetta 0Likes

    appena provata! è veramente stre-pi-to-sa!!!!
    Non le manca niente! Super!

  • Pubblicato 29 Marzo 2018 09:54 pia 0Likes

    ciao cara Dealma ma i datteri non sono frutti tropicali come le banane e quindi raffreddanti? che per la macrobiotica non dovrebbero essere usati? ho un po di confusione? perché altrimenti pure la banana dolcifica e potrebbe essere usata?

    • Pubblicato 29 Marzo 2018 10:56 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Pia, come ho spiegato nella ricetta, ogni tanto possiamo usare anche il tropicale, magari non in inverno quando fa molto freddo. La macrobiotica non esclude nessun alimento a priori, ma invita a diventare consapevoli dell’effetto del cibo sul proprio corpo. Ognuno di noi scoprirà se e quando potersi permettere cibi dalle energie un po’ troppo intense. Se non ci sono problemi di salute, non c’è motivo di evitarli in modo assoluto. Godiamoceli durante le feste ad esempio. Anche la banana può essere usata come dolcificante, sempre con il buon senso, sapendo che è tropicale. 🙂
      Ti invito a leggere il mio ultimo articolo Macrobiotica e libertà. Spero possa aiutarti ad eliminare la confusione. 🙂

  • Pubblicato 27 Marzo 2018 09:25 ALESSIA 0Likes

    Ottima idea…rifarò i tartufini già collaudati e apprezzati.
    Grazie ancora e buona giornata.
    Alessia

  • Pubblicato 26 Marzo 2018 14:44 ALESSIA 0Likes

    Buongiorno Dealma,
    che gustosa ricettina!!!
    Che ne pensi di utilizzare i fichi secchi (magari, ammollati?) al posto dei datteri (che in qs periodo fatico a trovare o costano una fortuna)?

    Altro consiglio: hai qualche alternativa alla tradizionale colomba che sicuramente troverò sulla tavola a Pasqua e alla quale farò fatica a resistere, purtroppo!!!
    Grazie e un caro saluto.
    Alessia

    • Pubblicato 26 Marzo 2018 15:40 Dealma Franceschetti 0Likes

      Ciao Alessia, si puoi provare anche con i fichi, è un’idea che ho in mente di provare prima o poi. 🙂 Per la colomba puoi provare la mia versione. Poi mi dirai se ti è piaciuta!

      • Pubblicato 26 Marzo 2018 20:31 ALESSIA 0Likes

        Cara Dealma,
        purtroppo nn sono ancora così brava da seguirti nella preparazione della colomba…ma sarà l’obiettivo della Pasqua del prossimo anno .. promesso!!!
        Grazie ed un abbraccio.
        Alessia

Lascia un commento