Questa è una versione salata della crema di cereali.

Questa ricetta è tipica della colazione macrobiotica, ma se capita si può utilizzare anche a pranzo o a cena, soprattutto se non si sta bene, se non si ha fame, in caso di influenza, o se c’è bisogno di alleggerire il pasto ogni tanto.

In caso di infiammazioni dell’intestino è necessario passare nel passaverdura, per ridurre la quota di fibra e beneficiare dell’effetto positivo della crema di cereali sull’intestino, soprattutto se c’è anche il riso integrale, che è ricco di tricina, quindi ha effetto disinfiammante.

Con il passaggio nel passaverdura manteniamo le proprietà disinfiammanti, ma evitiamo di infastidire una mucosa infiammata con troppa fibra.

La crema di cereali si può preparare con tutti i cereali, con un solo cereale (solo riso, solo avena, solo miglio, ecc.) oppure abbinarne due, come faccio io molto spesso.

In questa stagione abbino al riso integrale dell’avena oppure del grano saraceno, entrambi cereali riscaldanti.

Ottimo anche l’abbinamento con il miglio decorticato, che asciuga l’eccesso di umidità nel corpo.

Abbinare due cereali permette non solo di beneficiare di profili energetici e nutrizionali diversi, adattandoli anche alla stagione, ma di lavorare sulla personalizzazione dal punto di vista energetico.

Ad esempio, c’è chi ha bisogno di una maggiore quantità di energia Terra, quindi è utile che metta del miglio nella crema di cereali o che la prepari di solo miglio.

C’è chi ha bisogno di una maggiore quantità di energia Acqua, quindi è utile che usi di più il grano saraceno.

Questo tipo di personalizzazione è possibile facendo un’analisi della struttura energetica di nascita (attraverso data e ora di nascita).

La scelta del tipo di cereale personalizzata sulla propria struttura energetica di nascita è uno degli aspetti di cui mi occupo con la consulenza, per cui posso consigliare di prediligere un cereale piuttosto che un altro, per creare equilibrio dal punto di vista energetico, a seconda del tipo di struttura che vado a vedere con la data e l’ora di nascita.

Questa personalizzazione è utile soprattutto quando ci sono problemi di salute, perchè aiuta il corpo a trovare un maggiore equilibrio e questo è spesso di beneficio a migliorare vari problemi.

Se vuoi sperimentare questo lavoro personalizzato, è in corso la Promo di Natale fino al 20 dicembre per la consulenza.

Ingredienti

Dose abbondante per poterla conservare in frigo e usare più giorni:

Dosi per condirne circa 2 porzioni

Lava i cereali e mettili in ammollo per 6-8 ore.

L’ammollo non è indispensabile, ma utile.

Trascorso il tempo di di ammollo versa via l’acqua e trasferisci i cereali in una grossa pentola dal fondo spesso.

Aggiungi l’acqua, il sale e la kombu (se ci sono problemi di ipertiroidismo va evitata).

Porta a bollore e quando bolle abbassa la fiamma al minimo, metti un coperchio e lascia cuocere per almeno un’ora, meglio un’ora e mezza.

Questo tempo di cottura molto lungo, che va oltre il tempo di cottura dei cereali, serve per yanghizzare bene questo piatto, che vuole essere un piatto “curativo”, per lo meno dal punto di vista macrobiotico, quindi energetico.

Questa lunga cottura crea un piatto energeticamente “forte”, che creerà forza nel corpo e nella mente.

Se non hai una pentola dal fondo molto spesso, metti uno spargifiamma di ghisa.

Terminato il tempo di cottura puoi mangiare la crema così, ma non sarà veramente in crema.

Se vuoi la consistenza cremosa puoi frullare.

Se ci sono infiammazioni intestinali bisogna passare nel passaverdure.

Una volta pronta si può mettere in frigorifero e dura anche 5 giorni.

Al momento di utilizzarla, ad esempio per la colazione, si tira fuori dal frigo la quantità che si vuole consumare, si scalda in un pentolino con un pochino di acqua e poi si condisce a piacere dolce o salata, come in questa ricetta, dove trovi tante varianti.

Una delle possibilità per condirla salata è quella che vedi in questa ricetta: con il cipollotto spadellato.

Puoi prepararlo al momento, perchè cuoce in 2 minuti, oppure prepararlo il giorno prima e averlo già pronto la mattina.

Affetta il cipollotto, anche la parte verde.

Fallo saltare in padella un paio di minuti con un filo di olio e sala con sale oppure con salsa di soia.

Poi aggiungi la quantità che che desideri alla crema di cereali, aggiungendo anche un po’ di gomasio.

Ecco pronta la colazione oppure un pasto leggero.

Se non riesci a trovare nei negozi gli ingredienti speciali che ho usato,  puoi acquistarli qui:

Riso Rosa Marchetti
Coltivato con il metodo biodinamico

Voto medio su 182 recensioni: Da non perdere

Riso Medio Rosa Marchetti Bio - Integrale
Biologico, coltivato e lavorato in Italia

Voto medio su 42 recensioni: Da non perdere

Avena Decorticata Bio
Coltivata e lavorata in Italia

Voto medio su 10 recensioni: Da non perdere

Alga Kombu
Alga marina Laminaria sp.

Voto medio su 40 recensioni: Da non perdere

Gomasio Bio
Condimento biologico da tavola a base di sesamo

Voto medio su 94 recensioni: Da non perdere

Shoyu - Salsa di Soia
Disponibile in confezione da 250 ml 500 ml e 1000 ml

Voto medio su 283 recensioni: Da non perdere

Tamari - Salsa di Soia
25% di sale in meno

Voto medio su 60 recensioni: Da non perdere

Sale Integrale Trapani

Voto medio su 714 recensioni: Da non perdere

Hai bisogno di un aiuto per iniziare? Hai qualche disturbo che vuoi provare a migliorare con la macrobiotica?

Se hai bisogno di un guida per iniziare il viaggio sulla via macrobiotica oppure hai dei problemi di salute per cui è necessario personalizzare l’alimentazione, c’è la consulenza personalizzata:

E’ uscita la nuova edizione dell’Apprendista macrobiotico!

Con 3 nuovi capitoli, nuove ricette, ricette aggiornate e nuove foto.

Lo trovi qui a questa pagina.

L'Apprendista Macrobiotico
Ricette illustrate e consigli per scoprire la cucina macrobiotica vegana

Voto medio su 97 recensioni: Da non perdere

Se acquisti il libro su Macrolibrarsi ricevi in omaggio il mio ebook “Pronto soccorso macrobiotico”.

E se hai bisogno della versione video, a questa pagina trovi il video corso L’apprendista macrobiotico, nato dalla prima edizione del libro.

Ti aspettano tante ricette e tanti altri trucchetti pratici per cucinare velocemente piatti sani e golosi.

E se ami i dolci naturali, golosi, ma sani, è uscito “Dolci buoni e sani”.

Dolci Buoni e Sani
Felicemente golosi senza dipendenza – Senza zuccheri raffinati, latticini e uova
€ 23,50

Perché ho scelto di NON inserire annunci pubblicitari nel blog:

Avrai forse notato che nel mio blog non ci sono annunci pubblicitari.

E’ una precisa scelta, perchè quel tipo di annunci è generico e automatico, quindi non mi permette di scegliere quali aziende valorizzare e quali no.

In questi anni ho ricevuto moltissime richieste da parte di aziende pubblicitarie per inserire annunci, ma ho sempre rifiutato, rinunciando a un certo introito.

Il mio blog nasce per divulgare un messaggio ben preciso e una “cultura” alimentare ben precisa, anche etica, nei confronti degli animali, del pianeta e dei lavoratori.

Così, per cercare di sostenere le spese del blog e il lavoro che richiede, ho scelto la partnership con Macrolibrarsi perchè mi permette di scegliere quali aziende e prodotti far conoscere, che sono quelli che uso io in prima persona.

Ma non solo, condivido anche i valori, gli ideali e le scelte di Macrolibrarsi come azienda.

Quindi, se acquisti su Macrolibrarsi tramite i link che inserisco nelle ricette e negli articoli del blog, mi aiuti a sostenere tutto il lavoro del blog, le sue spese e il lavoro che richiede, perchè tramite questi link ricevo una piccola provvigione.

Grazie se vorrai sostenere il mio lavoro e un’azienda speciale come Macrolibrarsi.

2 Comments

  • Pubblicato 6 Dicembre 2023 13:47 Luisa 0Likes

    Ciao Dealma, in questo periodo aggiungo una manciata di castagne secche e poi mezzo cucchiaino di miso. È necessario gettare l’acqua di ammollo? Io di solito cuocio i cereali nella stessa acqua, mentre cambio sempre quella dei legumi.
    Grazie per la tua competenza e pacatezza, tu e Djanna siete uniche!

    • Pubblicato 6 Dicembre 2023 15:50 Dealma Franceschetti 0Likes

      Grazie Luisa. 🙂 Dunque, nel caso dei cereali non è necessario buttare l’acqua di ammollo. C’è chi la usa per cuocere. Se preferisci puoi farlo. 🙂 Mi fa piacere sapere che segui anche Djanna! Ti faccio un’anticipazione speciale: stiamo scrivendo un libro insieme! 🙂

Lascia un commento